MALI. Quattordici casi di Febbre emorragica nel Mali centrale

192

Un rapporto ufficiale preparato dalle autorità sanitarie del Mali ha mostrato come il virus della “febbre emorragica della Crimea-Congo” si sia diffuso in una zona remota del paese, nota più per la presenza di jihadisti. Secondo il rapporto, la malattia ha finora ucciso sette delle 14 persone contagiate dall’inizio di gennaio.

Il virus della “febbre emorragica della Crimea-Congo” è uno dei più diffusi e in grado di uccidere, dato che il tasso di mortalità raggiunge il 40% del totale degli infetti, secondo i dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Secondo questi dati, il virus «si trasmette principalmente agli esseri umani da zecche e bestiame, mentre si trasmette da una persona all’altra come risultato del contatto diretto con il sangue della persona infetta, le sue secrezioni, organi o altri fluidi corporei».

Le autorità finanziarie sono venute a conoscenza del virus sabato 01 febbraio 2020, intorno alle 11 del mattino, quando il medico, a capo dell’unità sanitaria di Mopti è stato informato da un funzionario sanitario del Corrientzi che alcuni pazienti della stessa famiglia presentavano sintomi di “febbre emorragica”, riporta un comunicato ufficiale ripreso da Afrique Infoarabic.

L’ufficiale sanitario ha aggiunto nel rapporto che i pazienti provenivano dal villaggio di Kira, sull’altra sponda del fiume Niger, e sono arrivati nella città di Mopti senza attraversarla a Kuryantzi. Il medico ha chiesto immediatamente al sindaco di Kuryantzi di condurre una missione locale per condurre un’indagine preliminare sulla malattia.

Lo stesso giorno, all’una dei quarantacinque e quaranta minuti, il medico curante dell’ospedale cittadino di Sivari, 15 km a est di Mopti, ha riferito di aver prenotato sette pazienti provenienti dal villaggio di Kira, che presentavano sintomi di “febbre emorragica”.

Subito dopo, il ministero della Salute ha inviato una missione di indagine che ha coinvolto otto persone che lavorano nel settore sanitario, sul luogo per determinare la realtà della situazione, che ha preparato un’indagine dettagliata sull’inizio e la diffusione della malattia.

I sintomi della malattia sono comparsi per la prima volta in un pastore locale, all’età di 39 anni, il 05 gennaio, quando era presente con il suo bestiame nella zona “Sampara” relativamente lontana dal suo villaggio, prima che suo padre lo trasferisse al villaggio e sua zia si prendesse cura di lui, ed è morto l’11 gennaio scorso, cioè otto giorni dopo l’insorgenza dei sintomi di epistassi, vomito di sangue e stanchezza generale.

Tre giorni dopo la morte della vittima, sua zia di 48 anni si è infettata con il virus, mostrando gli stessi sintomi prima di morire il 23 gennaio, nove giorni dopo la comparsa dei suoi sintomi. Il 27 gennaio scorso il virus ha ucciso altri due membri della stessa famiglia, quattro giorni dopo la morte del secondo caso, e riguarda una donna di 40 anni e una di 39 anni. Il 30 gennaio, un altro uomo di 45 anni è morto dopo aver avuto gli stessi sintomi.

Il virus ha ucciso tra l’11 e il 30 gennaio cinque persone che avevano gli stessi sintomi, e l’intervallo tra i sintomi e la morte è stato in media di dieci giorni, tutte della stessa famiglia o contattate direttamente con i pazienti.

Dopo la morte di queste cinque persone, i sintomi sono comparsi in altre persone, tutte donne, che hanno ricevuto cure semplici e non specificate, prima che le loro famiglie decidessero di trasferirle nella città di Mopti per il trattamento e l’assistenza.

Sette donne, tra cui tre donne in allattamento, sono arrivate in ospedale. Dopo l’arrivo delle squadre investigative inviate dalle autorità finanziarie e la responsabilità delle compagne, ho scoperto che due pazienti della stessa famiglia erano arrivate all’ospedale di Mopti il 29 gennaio, senza sapere di avere il virus, e l’ospedale è stato informato immediatamente e le due pazienti sono state isolate.

Secondo il rapporto, le autorità stanno trattenendo nove delle 14 persone che sono state infettate dal virus, di cui cinque sono morte, la prima infetta, oltre a due persone morte in ospedale. Le autorità del Mali hanno annunciato che si stanno preparando a inviare una missione di indagine approfondita sulla questione, sotto stretta sorveglianza delle forze di sicurezza e dell’esercito, in quanto l’area in cui il virus è comparso incontrava crescenti difficoltà di sicurezza a causa della presenza di combattenti terroristi.

La regione di “Mopti” in cui è comparsa la malattia ha una popolazione di oltre mezzo milione di abitanti, ed è divisa in due regioni a causa del passaggio del fiume Niger dal suo centro; un’area sommersa dalle inondazioni del fiume e difficile da raggiungere nel periodo da luglio a novembre, e un’area terrestre facile da attraversare. Tuttavia, il virus è comparso nella prima zona dove il movimento è difficile a causa della diffusione di stagni e paludi, e l’insicurezza derivante dalla diffusione dei combattenti terroristi.

La zona di “Kuryantzi”, in cui è comparsa la malattia in un piccolo villaggio, si trova a 150 chilometri a est di Mopti e ha una popolazione di 13mila persone, mentre il villaggio di Kira, da cui provengono i pazienti, dista solo un chilometro, e un braccio è separato da un fiume Niger. Le statistiche mostrano che il villaggio di Kira ha una popolazione di poco più di mille persone.

Lucia Giannini