MALI. Bamako nella morsa del terrorismo: 45 morti il 10 gennaio

150

In Mali continuano gli scontri tra le forze armate del Paese e il gruppo Jamaat Nasr al-Islam wal-Muslimin, Jnim (Al-Qaeda).

Martedì, 10 gennaio, i militanti hanno piazzato ordigni esplosivi improvvisati lungo il percorso di un convoglio di truppe governative tra i villaggi di Dia e Diafarabe. Un episodio simile si è verificato sulla strada tra le città di Kumara e Makina nella parte centrale del Paese.

A seguito di attacchi coordinati, almeno 14 militari maliani sono stati uccisi e altri 11 sono rimasti feriti a vari gradi di gravità.

In risposta alle azioni degli estremisti islamici, le truppe maliane hanno condotto un’operazione militare. Fonti ufficiali hanno riferito dell’uccisione di almeno 31 terroristi.

Eppure nonostante tutti gli sforzi delle autorità maliane, i gruppi terroristici sono ancora attivi in ​​diverse parti del paese. A causa dei confini praticamente trasparenti con il Burkina Faso e il Niger, i militanti si muovono quasi liberamente da un confine all’altro arrivando di volta in volta nelle loro basi e portano anche armi e munizioni.

La situazione è esacerbata dalle contraddizioni tribali e inter-claniche, nonché dalla resa dei conti tra fazioni in competizione. In tutto questo, come sempre, e prima di tutto, soffrono i civili.

Il contingente francese non è riuscito a risolvere questi problemi e, con il ritiro definitivo dal Paese alla fine dello scorso anno, ha semplicemente trasferito tutti i costi alle autorità locali. E le forze di pace delle Nazioni Unite della missione MINUSMA sono sempre state passive e non hanno interferito particolarmente nel corso delle ostilità con i gruppi antigovernativi.

Al momento, il governo del Mali si trova effettivamente faccia a faccia con un conglomerato di organizzazioni terroristiche. Non solo JNIM ma anche Daesh. Dalla social sfera si apprende che al momento a sostenere le azioni del governo maliano ci sarebbero i consiglieri militari russi e le unità Wagner PMC schierate nel Paese dal 2021.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/