MALESIA. Ridurre il carovita, obiettivi del governo di Anwar Ibrahim

155

Il primo ministro malese Anwar Ibrahim ha svelato il più grande budget nella storia della sua nazione, pieno di misure volte a ridurre il costo della vita attraverso sussidi e pagamenti diretti in contanti, anche se la sua amministrazione, al potere da tre mesi, afferma di voler restringere il disavanzo nel budget fiscale.

Il piano di spesa di 388,1 miliardi di ringgit, pari a 87,5 miliardi di dollari, per il 2023 è stato presentato in parlamento da Anwar, che è anche ministro delle Finanze, il 24 febbraio, con un’enfasi dichiarata sul buon governo e la prudenza fiscale. Ma con le elezioni vicine, a luglio, primo indicatore elettorale del “governo di unità” del premier, nel bilancio sono presenti ovvie dimensioni politiche, riporta AT.

Con un previsto rallentamento dell’economia malese basata sulle esportazioni, l’apparente obiettivo è quello di rafforzare la resilienza economica di fronte all’intensificarsi dei venti contrari globali. La crescita economica dovrebbe moderarsi al 4,5% quest’anno, in netto calo rispetto all’8,7% più forte del previsto nel 2022, il tasso più alto degli ultimi due decenni.

L’indice di gradimento di Anwar è del 68%, secondo il Merdeka Center, leggermente inferiore a quello dei suoi recenti predecessori durante i primi mesi in carica. Mentre le imminenti elezioni statali non avranno alcun rapporto diretto con i numeri e l’equilibrio del parlamento, una forte performance del blocco di opposizione etno-nazionalista probabilmente metterebbe alla prova la stabilità del governo alle prime armi.

Nel suo discorso sul bilancio Anwar ha invitato i ricchi ad assumersi la “responsabilità congiunta” assumendosi nuove tasse sui beni di lusso e plusvalenze sulle vendite di azioni di società non quotate. Ha escluso esplicitamente un’imposta su beni e servizi su larga scala, affermando che ora non era il momento giusto per reintrodurre il prelievo politicamente sensibile.

Il budget di Anwar vuole porre al centro i problemi del costo della vita. Quelli con un reddito annuo imponibile superiore a 100.000 ringgit vedranno un aumento delle tasse compreso tra lo 0,5% e il 2%, mentre i redditi medi che portano a casa tra i 35.000 e i 100.000 ringgit all’anno riceveranno una riduzione delle tasse del 2%. Anwar ha affermato che il suo aumento delle tasse avrebbe un impatto su meno di 150.000 contribuenti con redditi più alti, mentre circa 2,4 milioni beneficerebbero di tagli fiscali.

Mettendo in primo piano le questioni relative al costo della vita, il piano di Anwar offre alle famiglie con un reddito inferiore a 2.500 ringgit al mese aiuti in contanti pari a tale importo, insieme a pagamenti diretti in contanti a coltivatori di riso, pensionati governativi, dipendenti pubblici e insegnanti religiosi islamici . Anche i pensionati con meno di 10.000 ringgit di risparmio riceveranno aiuti governativi.

Anwar ha affermato nel suo discorso che la riduzione del crescente carico del debito del paese è una priorità assoluta. Si prevede che il debito nazionale della Malesia raggiungerà 1,2 trilioni di ringgit, cioè 270,6 miliardi di dollari nel 2023, ovvero circa il 62% del prodotto interno lordo, rispetto al 60,4% dello scorso anno. Quando vengono incluse varie passività potenziali, la cifra raggiunge 1,5 trilioni di ringgit o l’81% del Pil.

Il premier ha detto che il suo governo è impegnato a ridurre gradualmente il debito pubblico ai livelli pre-pandemia, quando il tetto del debito era al 55%. I prestiti della Malesia sono aumentati notevolmente durante la pandemia di Covid-19 per finanziare massicci programmi di stimolo. Anwar ha affermato che 46 miliardi di ringgit ($ 10,3 miliardi), o il 16% delle entrate del governo, andranno a ripagare solo il pagamento degli interessi nel prossimo anno.

Il governo della Malesia dovrebbe presto presentare un Fiscal Responsibility Act che limiterebbe la percentuale massima di debito del governo al 65% del Pil e oneri per il servizio del debito al 15% del budget annuale. Secondo quanto riferito, il disegno di legge impegnerebbe il governo a finanziare le proprie spese operative attraverso le entrate, con prestiti consentiti solo per le spese di sviluppo.

Tuttavia, c’è incertezza se le nuove tasse saranno sufficienti per aumentare le entrate per coprire le spese espansive del governo. Mentre l’imposta sulle plusvalenze proposta potrebbe aumentare significativamente le entrate, l’imposta sui beni di lusso non è vista come una fonte di reddito significativa.

I dividendi della compagnia petrolifera statale Petronas sono ancora la principale fonte di entrate non fiscali della Malesia. A causa dell’aumento dei prezzi globali dell’energia, l’azienda ha effettuato uno dei pagamenti di dividendi più alti di sempre per il 2022, per un totale di 50 miliardi di ringgit. Si prevede che Petronas pagherà circa 40 miliardi di ringgit di dividendi nel 2023, con i suoi ricavi petroliferi che dovrebbero diminuire del 20,9% a causa del calo dei prezzi globali del petrolio.

La Malesia mantiene una serie di sussidi per mantenere beni essenziali come benzina, gasolio, gas di petrolio liquefatto, olio da cucina, farina ed elettricità a prezzi inferiori a quelli di mercato. L’anno scorso, 67,4 miliardi di ringgit sono stati accantonati per le sovvenzioni, ma l’aumento dei prezzi delle materie prime ha portato questa cifra a un record di 80 miliardi di ringgit. I sussidi per il 2023 dovrebbero raggiungere i 64 miliardi di ringgit.

Il governo di Anwar aveva ordinato una revisione del programma di sussidi della Malesia con l’obiettivo dichiarato di abbassare i sussidi a beneficio dei ricchi, con la sua amministrazione che aveva già tagliato i sussidi energetici per le grandi imprese e le multinazionali. Si prevede tuttavia che le entrate del governo scenderanno a 291,5 miliardi di ringgit, in calo rispetto ai 294,4 miliardi di ringgit dell’anno scorso.

Nonostante il budget 2023 sia superiore del 16% rispetto a quello dello scorso anno, Anwar ha puntato a una riduzione del deficit più ambiziosa del 5% del Pil, in calo rispetto al 5,6% dello scorso anno.

Maddalena Ingrao

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/