13 arresti di affiliati IS in Malesia

78

MALESIA – Kuala Lumpur. 15/10/15. La polizia malese ha arrestato 13 persone con l’accusa di avere “legami” con lo Stato Islamico d’Iraq e Siria (ISIS). A dirlo la polizia stessa che ha effettuato gli arresti.

In Malesia la preoccupazione cresce perché si temono ripercussioni da parte del gruppo estremista nel paese musulmano moderato. Fonte Al Arabiya. Il giornale ha citato il capo della polizia nazionale, Khalid Abu Bakar secondo cui i 13 malesi sono stati arrestati in un raid in un ristorante in un sobborgo di Kuala Lumpur. Da aprile 2014, gli arresti sono arrivati a 36 tutti sospetti di esse collegati a ISIS. «Stiamo costantemente monitorando questi tipi di attività. Militanza e terrorismo non hanno posto in questo Paese», ha detto il capo della polizia. Non sono stati forniti ulteriori dettagli sulla natura dei legami tra gli arrestati e ISIS. In precedenza le autorità hanno confermato di aver arrestato tra le 30 alle 40 persone di origine malese che avevano aderito alla guerra civile in Siria. A quanto si apprende dalle stesse fonti ISIS arruola attraverso i social media. 

I funzionari temono che le reclute diventeranno dei radicali violenti ed estremisti. Nel mese di agosto, la polizia malese ha detto che ha sventato un complotto elaborato per un’ondata di attentati da parte di militanti islamici radicali ispirati a ISIS. Più di una dozzina di persone arrestate da aprile a giugno stavano formulando piani per bombardare pub, discoteche e una fabbrica di birra malese per la danese Carlsberg, ha detto la polizia, aggiungendo che alcuni avevano progettato di recarsi in Siria. I media locali hanno già riferito che il 26enne operaio malese, Ahmad Maliki Tarmiya ha ucciso 25 soldati d’elite iracheni in un attentato suicida con autobomba a maggio. In precedenza la Malesia è stata sede di numerose figure chiave di gruppi legati ad al-Qaeda, come Jemaah Islamiyah, un’organizzazione con sede nel sud-est asiatico, incolpato per gli attentati di Bali del 2002 e numerosi altri attacchi mortali.