MACEDONIA DEL NORD. Lanciati prestiti verdi dalle banche macedoni

26

Più della metà delle banche della Macedonia del Nord hanno lanciato attività per approvare prestiti verdi alle famiglie e al settore aziendale, ha detto la banca centrale il 9 giugno, citando i risultati di un sulle attività delle banche e sui rischi operativi nel 2021, condotto nel primo trimestre del 2021.

I prestiti verdi rappresentano fino al 10% del portafoglio prestiti totale nella maggior parte delle banche commerciali, ha detto la banca centrale. Alcune delle banche hanno anche sviluppato un sistema di identificazione dei progetti ambientalmente sostenibili, riporta BneIntellinews.

Nel settore aziendale, i prestiti verdi sono stati forniti principalmente all’industria manifatturiera, seguita dal settore dell’elettricità, della fornitura di gas, del vapore e dell’aria condizionata, nonché del trasporto e dello stoccaggio, con una piccola quota di prestiti forniti alle imprese di costruzione.

Secondo l’indagine, le banche hanno detto che le loro principali sfide durante la crisi Covid-19 hanno incluso le difficoltà nelle operazioni e nella vendita di prodotti e servizi ai clienti esistenti e nell’acquisizione di nuovi clienti, così come il ritardo delle attività di progetto pianificate.

La maggior parte delle banche commerciali prevede di continuare a sostenere le piccole e medie imprese attraverso i prestiti, che contribuiranno anche alla ripresa economica. Hanno anche in programma di aumentare la quota di prestiti verdi.

In termini di risultati finanziari, le banche hanno generalmente aspettative favorevoli per il 2021, nonostante l’incertezza legata alla pandemia Covid-19.

Le banche della Macedonia settentrionale hanno registrato un utile ante imposte di quasi 32,5 milioni di euro alla fine di marzo 2021, rispetto allo stesso periodo del 2020.

Il primo Ministro Zoran Zaev aveva in precedenza detto che 3,1 miliardi di euro sarebbero stati investiti nell’energia fino al 2027, di cui la maggior parte sarà diretta nelle energie rinnovabili e il resto è per il settore del gas. Durante la presentazione del piano settennale del valore di 8,2 miliardi di euro, avvenuta il primo giugno, riporta Balkan Energy News, Zaev ha evidenziato i progetti di energia eolica e solare e i prossimi sforzi nella separazione e gestione dei rifiuti, nelle fognature e negli acquedotti e nel trattamento delle acque reflue.

Maddalena Ingrao