LITUANIA. Aperto a tempo di record il gasdotto con la Polonia

265

Uno dei più importanti progetti energetici strategici della Lituania  dell’ultimo decennio, l’interconnettore di gas, Gipl, da 500 milioni di euro con la Polonia, è stato lanciato ufficialmente il 5 maggio. Secondo il ministro dell’Energia lituano Dainius Kreivis, il gasdotto di 500 km aprirà la strada al mercato del gas dell’Europa occidentale non solo per la Lituania ma anche per la Lettonia, l’Estonia e la Finlandia. Fino ad ora, questi paesi sono stati in grado di acquistare gas dalla Russia.

Il ministro dell’energia ha detto che il gasdotto Gipl è stato aperto leggermente prima del previsto a causa della situazione tesa nella regione: «Il piano preliminare era per metà anno, ma la situazione nella regione è ora tesa, le aziende hanno completato le pratiche più velocemente, il gasdotto è stato presentato per la valutazione e possiamo aprirlo prima» ha detto Kreivys a LRT Radio.

Gli esperti di energia dicono che il gasdotto tra la Lituania e la Polonia è uno dei progetti energetici più importanti dall’indipendenza. Il ministro dell’energia ha detto che il gasdotto Gipl non solo renderà la fornitura di gas più sicura, ma ridurrà anche i costi di mantenimento del terminale Gnl della Lituania a Klaipėda. Vilnius ha deciso di rinunciare completamente all’importazione di gas dalla Russia.

Secondo il ministro Kreivys, la Polonia sta progettando di utilizzare il terminale Gnl della Lituania per fornire gas alla sua centrale elettrica di Ostrołęka.

La settimana scorsa, la Russia ha smesso di fornire gas alla Bulgaria e alla Polonia. Alla domanda su quanto la Lituania sarà in grado di aiutare la Polonia se rimane senza gas nella prossima stagione di riscaldamento, Kreivys ha detto che Vilnius parteciperà, se necessario. «Tuttavia, la Polonia dovrebbe essere in grado di sostituire le spedizioni russe con gas dalla Norvegia entro la fine dell’anno, attraverso il nuovo Baltic Pipe che sarà lanciato in autunno», ha aggiunto il Ministro.

«Entro la fine dell’anno, la Polonia sarà sicura (…) Una volta che il Baltic Pipe sarà in funzione, la nostra regione potrebbe essere in grado di ottenere del gas dalla Polonia quando ne avrà bisogno. Come ho detto, il gasdotto Gipl è un’enorme garanzia della nostra sicurezza», ha poi precisato Kreivys.

«La Germania prevede di costruire tre terminali entro la fine dell’anno, che forniranno fino al 20% del suo consumo totale di gas. Abbiamo anche sentito che i finlandesi e gli estoni stanno progettando un terminale. Ho parlato con il ministro finlandese per gli affari economici, e mi ha assicurato che stanno progettando di avere un terminale entro la fine dell’anno», ha detto il ministro dell’energia lituano, riporta BneIntellinews.

Tommaso Dal  Passo