LIBRI. Urban Art e graffiti artist a Bogotà

30

Libertà, colore, diversità e abbondanza. Questi sono i tratti distintivi della dinamica scena artistica urbana colombiana, che viene celebrata nelle pagine di un libro appena pubblicato: Que no le falte calle che mette in evidenza il lavoro di più di 150 graffitari in tutto il paese.

«C’è una grande quantità di artisti di alta qualità. Ne abbiamo raccolti 150 in questa enciclopedia, ma ce ne sono molti altri. Tutti loro considerano i graffiti come una forma di espressione e un modo di vivere», ha detto Andres Quintero, creatore del progetto BogotArt, il collettivo che sta dietro a questa iniziativa, ripreso da Efe.

Questo voluminoso libro celebra le opere più significative che i “graffiti artist” colombiani hanno prodotto negli ultimi 15 anni, sia per le strade della nazione andina che in altre parti del mondo. Raccoglie anche i pensieri e le riflessioni dei principali professionisti di questa forma d’arte, tra cui DjLu, Zokos, Guache, Wosnan e Yurika.

Mostrando una varietà di tecniche, le opere selezionate affrontano temi che vanno dall’ancestrale e magico alla situazione degli indigeni del paese e alle uccisioni dei leader sociali. Le opere selezionate includono anche omaggi alla cultura popolare, scene naturalistiche e rappresentazioni delle proteste dei contadini e ritratti di strada.

«L’arte urbana della Colombia è molto speciale. Ha avuto un impatto in tutta l’America Latina. Dal 2016, il Paese esporta graffiti artist in tutto il mondo. Diciamo che ora è – e soprattutto Bogotà – la mecca dei graffiti per l’intera regione», ha detto Mar Rodriguez, produttore del collettivo culturale.

In concomitanza con il lancio del libro, BogotArt e le aziende partner hanno installato una mostra temporanea in un piano in costruzione all’interno di Torre Barcelona, un edificio nel centro di Bogotà. La mostra presenta opere di artisti che compaiono nel libro, oltre a una selezione di foto presentate nell’ambito della campagna #QueNoLeFalteCalle, attraverso la quale più di 4.000 persone hanno potuto esporre le loro immagini per un periodo di due settimane.

Graziella Giangiulio