LIBRI. Terrorismo, mafia, eversione: ecco gli anni della Falange Armata

247

È un libro che parte piano. Venite presi dalle tragiche vicende di quella che passò alle cronache come la vicenda tragica e insensata della Uno Bianca. Fatti che sembrano slegati e senza filo conduttore, rapine, omicidi, furti, senza senso che hanno insanguinato le strade della Romagna negli anni Novanta del Novecento e che tutti noi che c’eravamo leghiamo nel ricordo alla tragica strage del Pilastro di Bologna, in cui rimasero uccisi, falciati dalle mitragliate dei fratelli Savi, poliziotti, sparate senza mostrare pietà.

Dal secondo capitolo in poi ingranate la marcia della lettura coinvolgente e vi trovaste a seguire un filo rosso che ripercorre tutte le stragi e gli avvenimenti sanguinosi avvenuti negli anni Novanta in molte parti del territorio italiano. Si tratta di eventi spesso “minori” ma che inequivocabilmente portano una stessa firma “Falange Armata”.

Ed è di questa struttura eversiva che l’ottimo presto di Giovanni Spinosa, magistrato, e Michele Mengoli, giornalista, scrivono. Attraverso l’analisi di centinaio dei pagine di verbali processuali e di testi sull’argomento, seguono l’evoluzione operativa politica e tragicamente eversiva di questa struttura, allora ritenuta un gruppo di mitomani o simili, privi di vero addentellato con le rresaltà eversive nostrane.

Ebbene preparate e ricredervi su tutto: collegamenti provati con la Cupola mafiosa, quelli di Totò Riina e Matteo Messina Denaro per intenderci, con frange eversive e strani personaggi delle forze di sicurezza italiane, con gruppi banditeschi del milanese e così via. E gli autori vi indicano l’esatta nascita della Falange Armata: a Milano, in quell’Autoparco la cui indagine porta la firma di Antonio Di Pietro.

Da qui partono le mosse di questa struttura che via via è sempre più presente nella cronaca italiana, con le sue “militarizzazioni” del territorio italiano, le sue stragi, le sue rivendicazioni, dalle bombe sui treni a quelle di Capaci e via D’Amelio.

Insomma è un testo capace di mettere i brividi a quanti quegli anni li hanno vissuti perché vi fa rimettere assieme molte tessere di un puzzle non finito ancora oggi, e fa lo stesso a chi quegli anni non li ha vissuti ma li studia scoprendo che certe “note a margine” della cronaca nera dell’epoca presentavano diverse facce e complesse letture.

Ben scritto e coinvolgente La falange Armata. Storia del Golpe sconosciuto che ha ridisegnato l’Italia (Piemme), è capace di rubare ore alle vostre attività per finirlo il prima possibile, come solo i migliori Noir sanno fare. Solo che non un romanzo.

Antonio Albanese

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/