LIBRI. Intelligence dai rifiuti nordcoreani

47

Un libro pubblicato a dicembre 2021 si sta rivelando assai utile per le analisi delle condizioni in Corea del Nord: esaminando la spazzatura nordcoreana che si è riversata sulle cinque isole del Mare dell’Ovest della Corea del Sud, si capisce come vivono i nordcoreani.

L’autore del libro, Kang Dong-wan, professore alla Dong-A University, dice che analizzando il marchio e il design dei prodotti nordcoreani, si possono comprendere le condizioni delle fabbriche e persino la propaganda politica nordcoreana dagli involucri scartati. L’esperto della Corea del Nord ha recentemente pubblicato il suo libro Picking Up North Korean Garbage in the Five West Sea Islands, che ha analizzato i rifiuti nordcoreani che si sono riversati sulle isole sudcoreane di Baengnyeong, Daecheong, Socheong, Daeyeonpyeong e Soyeonpyeong tra settembre 2020 e ottobre 2021.

Il professore ha detto di aver setacciato la spazzatura che si è lavata nel corso di un anno, raccogliendo 1.414 involucri scartati di 708 tipi dalla Corea del Nord durante quel periodo. Il numero 708 si riferisce al numero totale di prodotti unici con diverse marche o fabbriche di origine, mentre il numero 1.414 comprende più esemplari dello stesso prodotto.

Kang ha detto che c’erano davvero un sacco di prodotti che si sono arenati sulle coste sudcoreane, da dolci e bevande ad altri prodotti alimentari, articoli da regalo e farmaci. Ha chiamato la spazzatura raccolta “materiali preziosi” e “tesori” utili per leggere la società nordcoreana.

Il libro di Kang analizza la spazzatura suddividendola nelle seguenti categorie: dolci, prodotti da forno, bevande, latticini, prodotti alimentari, condimenti, liquori e sigarette, forniture mediche e articoli vari. Un prodotto particolarmente vistoso è “Galaxy Candy con crema di fragola all’interno” della Pyongyang Wheat Flour Factory, che il leader nordcoreano Kim Jong Un ha visitato nel 2016.

L’involucro della caramella è coperto di disegni e colori vivaci, compresi alcuni personaggi di gatti che sono simili al famoso personaggio giapponese “Hello Kitty“.

Alterando leggermente il design originale di Hello Kitty, il pacchetto viola molto probabilmente i diritti di proprietà intellettuale. I nordcoreani sembrano aver approfittato della natura chiusa della sua società e della conseguente mancanza di controversie internazionali sulla proprietà intellettuale per copiare il design. La confezione del “Fried Banana Snack” della Sonhung Food Processing Factory presenta persino il personaggio Disney Winnie the Poo.

Kang ha scoperto che diversi involucri emulavano i marchi sudcoreani di noodle istantanei e snack. Sostiene che se si esaminano gli involucri dei prodotti fatti in Corea del Nord, alcuni copiano vistosamente il design di analoghi prodotti sudcoreani. Kang dice inoltre che gli involucri mostravano schemi di colori simili, disegni particolari o contenuti, con gli involucri degli snack che spesso mostrano questa tendenza in particolare. Secondo Kang, nelle economie di mercato capitaliste, l’involucro e il design del prodotto considerano naturalmente la scelta del consumatore. Tuttavia, ha espresso sorpresa per il fatto che gli involucri dei prodotti nordcoreani includevano anche nomi di prodotti, disegni e persino caratteri che si adattavano alle caratteristiche del prodotto. Kang ha detto che questo ha messo fine al suo pensiero che una nazione socialista come la Corea del Nord fa prodotti “semplici”.

Ha detto che se gli involucri dei prodotti nordcoreani fossero stati semplici involucri di plastica privi di colore, non l’avrebbe notato. Kang afferma inoltre che possiamo vedere lo stato attuale del design e del branding nordcoreano attraverso i suoi involucri con font e caratteri unici che dimostrano le caratteristiche di ogni prodotto.

Maddalena Ingrao