LIBRI. Innovare nella tradizione USA: ecco la politica di Biden

70

«Il lettore avrà notato che si è detto poco o nulla di tanti altri temi che giocano un ruolo chiave nell’attualità degli Stati Uniti e di molto altri Paesi occidentali. Non si è parlato della politica estera americana. Non si è parlato della pandemia. Non si è parlato dell’economia. Tutti temi importanti e tra loro collegati».

Ma allora di cosa tratta esattamente il bel testo di Matteo Laruffa, L’America di Biden. La democrazia americana del dopo Trump (Rubettino)?

L’autore ci immerge completamente nella politica “interna” degli States, nelle sfide che si stanno aprendo o che si sono già aperte per l’Amministrazione Democrat di Joe Biden.

È un instant book, nel senso che fotografa l’istante esatto del momento in cui si aprono tutte le possibilità per la neonata amministrazione statunitense e cerca di delineare i binari su cui andrà a muoversi per ricostruire, o almeno cercare di farlo, il tessuto sociopolitico statunitense danneggiato dagli eventi succedutisi dopo le elezioni perse da Donald Trump, culminate negli eventi del 6 gennaio scorso e che avranno un’appendice, la cui drammaticità è ancora ignota, nella messa in stato di accusa per sedizione di Donald Trump.

Come l’Amministrazione Biden cercherà di mettere in pratica le promesse fatte in campagna elettorale e le scelte fatte è tutto ancora da vedere, ma Laruffa ci porta dentro ai palazzi del potere di Washington per mostrarci le crepe e le possibilità di ripresa del sistema stesso. Un sistema politico che potrebbe vedere l’implosione del Gop, dei repubblicani in pratica, e di una parte dei Democrat stessi che potrebbero avvicinarsi verso un diverso e nuovo schieramento.

«Dietro il rinnovamento della Presidenza Biden si cela in realtà una visione dell’America che non dovrebbe essere considerata “nuova”, ma semmai più autentica perché più vicina a quella he ispirò la nascita degli Stati Uniti e il sogno americano».

Biden quindi innoverà il sistema secondo Laruffa, immergendo la sua azione politica direttamente nella tradizione Usa: «Gli Usa sono diventati la più grande potenza del mondo aprendo la loro società ai contributi più diversi, realizzando un’identità politica unitaria che si è formata dall’incontro di una pluralità di uomini e comunità nazionali».

Antonio Albanese