Libia: crisi liquidità in banca

44

LIBIA – Tripoli. 21/07/14. Mentre il Ministero dell’Interno conferma che il porto di Ras Igdir tra Libia e Tunisia sta funzionando normalmente e normalmente viaggiano in entrambe le direzioni, smentendo così la notizia di un posto di blocco sul porto.

Ci sono notizie allarmanti che vengono da altre aree della Libia secondo cui gli istituti bancari starebbero per chiudere in quanto non vi sono liquidi nelle casse delle banche. I membri del consiglio Gharyan, domenica sera, si sono riuniti con i direttori delle filiali bancarie Pegrean, per cercare di risolvere il problema della mancanza di liquidità, perché le banche hanno smesso di funzionare. «Secondo il decano del comune, “Joseph Budeiri” – riferisce il giornalista agenzia di stampa libica Lana – la riunione è avvenuta sullo sfondo della chiusura di alcune banche a Gharyan a causa della mancanza di liquidità .. sottolineando che il Consiglio continuerà con le autorità competenti a fornire protezione per il trasferimento di fondi da parte della Banca Centrale della Libia a Tripoli per le banche Gharyan». Da parte sua, il direttore della filiale della Banca Commerciale di Pegrean “Abdel Moneim Zayed,” ha rassicurato ai cittadini sulla disponibilità di liquidità. La Banca centrale ha aggiunto che il problema della mancanza di liquidità alle banche Gharyan è dovuta alla mancanza di sicurezza da Tripoli a Gharyan per motivi di sicurezza. Ha aggiunto: “Zayed”, e che dopo la riunione che ha avuto luogo tra i membri del consiglio comunale e i gestori di sportelli bancari e la cooperazione tra le due parti con le autorità competenti, la liquidità sarà disponibile entro due giorni.