Tripoli a secco

160

LIBIA – Tripoli 09/09/2013. Il Grande Fiume Artificiale è stato riaperto l’8 settembre, sei giorni dopo che era stato interrotto dai leader tribali che reagiscono al rapimento di Anoud Senussi , ma la capitale non avrà acqua per almeno altri quattro giorni.

Il Gmr (acronimo inglese Great Man-made River) è l’acquedotto che porta l’acqua dall’acquifero nubiano nel Sahara: Le città più grandi servite da questo gigantesco sistema di acquedotti sono Tripoli, Sirte, Bengasi. «A mezzanotte, le squadre di riparazione hanno ridato vita a una delle pompe della stazione principale di pompaggio» ha detto il ministro delle Risorse Idriche, Alhadi Suleiman Hinshir, in conferenza stampa ripresa dal Libya Herald. Hinshir ha spiegato che era stata staccata l’alimentazione che rifornisce le stazioni di pompaggio. L’acqua ora scorre a una velocità di circa 200mila metri cubi e raggiungerà Tripoli e la zona montagnosa di Nafusa in 4-5 giorni». Normalmente da Jebel al – Hasauna l’acqua pompata hai un volume di 1 milione e 300mila metri cubi al giorno. Il processo per rifornire completamente Tripoli necessita da quattro a sei giorni, perché l’acqua deve essere reintrodotta gradualmente, espellendo l’aria che aveva riempito i tubi nel corso degli ultimi sei giorni per evitare un’esplosione delle tubature. Ci vuole almeno una capacità di pompaggio di 1 milione di metri cubi per rimuovere l’aria dal sistema. L’acqua era stata interrotta il 3 settembre, quando un gruppo di uomini della tribù Magraha ha preso d’assalto la stazione di pompaggio principale a Jebel – Hasana e costretto i dipendenti a smettere di lavorare. Scopo dell’assalto era la liberazione di Anoud Senussi, la figlia dell’capo dell’intelligence Abdullah Senussi. Scomparsa il 3 settembre , subito dopo il suo rilascio da una prigione di Tripoli dove aveva servito un termine di dieci mesi per entrare nel paese con un passaporto contraffatto. Anoud era stata rilasciata la sera prima verso le 22  e nel giro di due ore, il team operativo Gmr ha iniziato a far andare una delle pompe. Gran parte di Tripoli era rimasta senza acqua dal 6 settembre. «La fornitura di acqua e di altre risorse non è un argomento di lotta politica o di conflitti tribali e non deve essere usato come ricatto», ha detto Hinshir , aggiungendo che le risorse naturali di questo genere sono protette da leggi internazionali.