Belmokhtar è vivo in Libia?

50

LIBIA – Tripoli 15/04/2014. Dato per morto, Mokhtar Belmokhtar sarebbe in realtà fuggito in Libia, dove avrebbe organizzare nuovi attentati.

Il jihadista algerino Mokhtar Belmokhtar, figura emblematica del jihadismo nel Sahel e nel Sahara, sarebbe nascosto in Libia, secondo fonti della sicurezza. Belmokhtar aveva guidato il sanguinoso attacco a In Amenas, in Algeria, nel gennaio 2013, prima di essere dichiarato morto dall’esercito ciadiano il 2 marzo 2013, durante un’operazione. La sua morte non era mai stata confermata e sulla sua testa pende ancora la taglia made in Usa di 5 milioni di dollari. «Da qualche tempo, abbiamo la prova che Mokhtar Belmokhtar, cittadino algerino, uno dei più pericolosi islamisti che operavano nel nord del Mali, si è ritirato in Libia per evitare di essere arrestato o ucciso. Dal territorio libico intende controllare il Sahel», ha detto una fonte della sicurezza del Mali; l’informazione è stata confermata da una fonte della sicurezza nigeriana e da un’altra fonte molto vicina alla missione delle Nazioni Unite in Mali (Minusma). Con gli alias di Belawar e Khaled Abu al -Abbas, Belmokhtar starebbe progettando una seire di attacchi contro gli interessi occidentali e quelli dei loro alleati locali, partendo dalla Libia o nella stessa Libia.