LIBERTÀ DI STAMPA. L’Asia incarcera più giornalisti di tutti

143

I Paesi asiatici sono stati i peggiori carcerieri di giornalisti quest’anno, mentre il numero di reporter imprigionati a livello globale ha raggiunto un nuovo record, secondo un nuovo rapporto.

Secondo il Committee to Protect Journalists (CPJ), 119 giornalisti sono stati arrestati in tutta l’Asia, mentre i governi hanno continuato a reprimere senza sosta i media, con Cina, Myanmar e Vietnam che si sono distinti come i peggiori colpevoli, riporta Nikkei.

A livello globale, almeno 363 reporter sono stati messi in prigione quest’anno, ha dichiarato il gruppo per la libertà di stampa in un rapporto annuale pubblicato nei giorni scorsi. Il nuovo record globale è stato del 20% superiore alla cifra dell’anno scorso.

«In un anno segnato da conflitti e repressioni, i leader autoritari hanno raddoppiato la loro criminalizzazione dell’informazione indipendente, impiegando una crescente crudeltà per soffocare le voci dissenzienti e minare la libertà di stampa», si legge nel rapporto. «L’incarcerazione dei giornalisti è solo una misura di come i leader autoritari cercano di soffocare la libertà di stampa».

Lo studio tiene conto dei giornalisti in custodia governativa, ma non include quelli scomparsi o detenuti da attori non statali.

L’Iran, che il CPJ considera parte del Medio Oriente, ha incarcerato almeno 62 giornalisti in seguito ai disordini scoppiati dopo la morte in custodia della polizia di Mahsa Amini.

«Il numero sarebbe stato ancora più alto se altri 21 giornalisti detenuti dopo l’inizio delle manifestazioni non fossero stati rilasciati su cauzione prima della data del censimento», ha dichiarato il gruppo.

Nella Cina continentale, l’inasprimento della censura online e un sofisticato apparato di sorveglianza rendono sempre più difficile l’attività giornalistica e l’individuazione del numero esatto di giornalisti in carcere, ha dichiarato il CPJ.

Il governo cinese ha incarcerato almeno 43 giornalisti quest’anno, diventando il secondo peggior criminale a livello globale, dopo l’Iran. Myanmar, Turchia e Bielorussia completano la top five.

Gli uiguri di etnia minoritaria costituiscono una parte significativa dei giornalisti incarcerati nell’estrema regione occidentale dello Xinjiang, dove le Nazioni Unite hanno individuato diffuse violazioni dei diritti, tra cui detenzioni arbitrarie e lavori forzati, che secondo le Nazioni Unite potrebbero configurarsi come crimini contro l’umanità. La Cina nega tutte le accuse di abuso.

Pechino ha inoltre attuato un’aggressiva repressione dei media indipendenti a Hong Kong, utilizzando un’ampia legge sulla sicurezza nazionale e una legge sulla sedizione di epoca coloniale.

Negli ultimi anni, l’Apple Daily e altre organizzazioni giornalistiche hanno chiuso i battenti. Jimmy Lai, fondatore dell’Apple Daily, sta scontando una pena detentiva per una serie di accuse penali mosse dal governo.

«Tutti sono scoraggiati. Penso che le persone che vogliono rimanere nel settore siano la minoranza. … Molti sanno che non è più possibile riportare notizie vere», ha dichiarato un ex giornalista di Hong Kong che ha lasciato la città.

Il Myanmar ha continuato a reprimere i giornalisti e i media dopo che l’esercito ha spodestato il governo civile l’anno scorso, con un numero di reporter noti per essere stati imprigionati quasi raddoppiato ad almeno 42 quest’anno, ha dichiarato il CPJ. Diversi giornalisti sono stati anche assassinati.

«È ormai straziante girare per la città e trovare l’edicola all’angolo della strada che vende giornali controllati o affiliati alla giunta. Il colpo di Stato non ha portato solo oscurità e censura per i media indipendenti e per i lettori, ma anche pericolo per i giornalisti che raccontano la verità», ha dichiarato un giornalista che lavora in clandestinità a Yangon. «Non siamo solo “nemici dello Stato”, ma siamo costretti a condurre una doppia o addirittura tripla vita».

Quasi la metà dei giornalisti incarcerati in Myanmar sono stati condannati nel 2022, la maggior parte in base a una legge che punisce ampiamente l'”incitamento” e le “notizie false”.

Il giornalista Myo San Soe è stato condannato a novembre a 15 anni di carcere con l’accusa di terrorismo per aver contattato i membri della Forza di Difesa del Popolo, una serie di gruppi di insorti che combattono contro il governo militare del Myanmar.

Il Paese si è classificato al 176° posto su 180 nell’Indice mondiale della libertà di stampa di Reporter senza frontiere.

L’Afghanistan ha imprigionato tre giornalisti per la prima volta in 12 anni. Nelle Filippine, Maria Ressa, giornalista e Premio Nobel per la Pace che ha creato Rappler, un sito di notizie investigative online che denuncia la corruzione del governo, ha dichiarato di voler ricorrere in appello contro una condanna per diffamazione.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/