LIBANO. Moody’s declassa Beirut: è peggio del Venezuela

104

Moody’s ha declassato il Libano al grado più basso possibile, “C”, prevedendo che i detentori di Eurobond internazionali e locali perderanno più di due terzi dei loro investimenti: «Il rating C riflette la valutazione di Moody’s che le perdite subite dagli obbligazionisti a causa dell’attuale default del Libano supereranno probabilmente il 65%», ha detto l’agenzia, aggiungendo che la sua decisione di non assegnare un outlook futuro è dovuta «al fatto che C è il rating più basso della scala di rating di Moody’s».

Il governo libanese, riporta Asia Times, di fronte alla diminuzione delle riserve estere e al crescente malcontento del pubblico, ha votato all’unanimità a marzo per non pagare una scadenza di 1,2 miliardi di dollari in Eurobond a marzo – segnando il primo default nella storia del Libano. I fondi stranieri come la sede centrale di Londra Ashmore, che si dice abbia acquistato più del 25% delle azioni di ciascuno dei tre Eurobond destinati a maturare quest’anno, sono tra gli investitori interessati. Così come lo sono i cittadini libanesi che si sono affidati alle obbligazioni per il pensionamento.

Paese dipendente dalle importazioni di sei milioni di persone, il Pil del Libano è sceso del 6,9% nel 2019, secondo Moody’s. La crescita economica dovrebbe contrarsi ancora di più quest’anno, con la valuta che si sta rapidamente svalutando e le riserve estere pericolosamente basse, come le ha definite il primo Ministro Hassan Diab: «Il continuo utilizzo delle riserve valutarie del Libano si riflette nell’acuta svalutazione della valuta locale nel mercato parallelo di oltre l’80%. Questo sta alimentando una significativa compressione delle importazioni e contribuendo ad un picco delle letture dell’inflazione a quasi il 90% su base annua a giugno 2020 dal 6,7% di fine 2019», ha detto Moody’s.

Il Libano sembra essere messo peggio del Venezuela in termini finanziari: il Venezuela ha anche un rating di credito C, ma mantiene un grado di forza economica più alto, “b2”, grazie alla sua economia di modeste dimensioni. Il Libano non ha un tale contrappeso.

Graziella Giangiulio