LIBANO. La Demarcazione marittima per Aoun è un azzardo storico

0

Il 13 ottobre c’è stato un nulla di fatto per l’elezione del nuovo presidente libanese, 82 parlamentari sono arrivati in parlamento per il 2° voto per eleggere un nuovo capo di stato. Hezbollah e i suoi alleati hanno votato con un libro bianco, poiché nessun candidato avrebbe avuto sufficienti voti per essere eletto. Alla fine la sessione di votazioni è stata aggiornata per mancanza del quorum. Il presidente del Parlamento Nabih Berri ha rimandato l’elezione a giovedì prossimo, 20 ottobre.

La mancata elezione alla presidenza non ha impedito il proseguo dei lavori per la demarcazione dei confini marittimi con Israele.

Il presidente libanese, il generale Michel Aoun, ha annunciato il 13 ottobre alle 20:00 circa l’approvazione della formula finale preparata dal rappresentante americano per delimitare i confini marittimi meridionali.

Secondo l’agenzia di stampa QNA il presidente generale libanese Michel Aoun ha dichiarato che da parte del Libano c’è stato il consenso alla versione finale dell’accordo sulla demarcazione del confine marittimo meridionale.

Ha affermato che l’approvazione è arrivata «dopo aver consultato il presidente della Camera dei rappresentanti, il primo ministro e nella mia qualità di capo di stato, e dopo che sono stato informato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden dell’approvazione di Israele e dopo il governo israeliano ha annunciato la sua approvazione».

Ha sottolineato che il Libano ha il diritto di considerare quanto realizzato ieri come un traguardo storico; «Perché siamo riusciti a recuperare un’area di 860 chilometri quadrati che era in discussione e il Libano non ha concesso un chilometro a Israele». Ha aggiunto che il Libano «otterrebbe l’intero campo di Qana senza alcun compenso da parte nostra, nonostante il fatto che l’intero campo non sia nelle nostre acque».

Ha sottolineato che: «I nostri confini terrestri non sono stati toccati e il Libano non ha riconosciuto la linea di boe che Israele ha creato nel 2000″, sottolineando che non c’è normalizzazione con Israele e non sono stati tenuti colloqui o accordi diretti con esso».

Ha spiegato che il risarcimento richiesto da Israele per una parte del giacimento di Qana situato nelle acque occupate sarà ottenuto da Total, senza intaccare il contratto firmato tra Libano e Total.

Ha espresso la speranza che la fine di questi negoziati sia un inizio promettente che getti le basi per una rinascita economica di cui il Libano ha bisogno completando l’esplorazione di petrolio e gas, che raggiungerà la stabilità, la sicurezza e lo sviluppo di cui il Libano ha bisogno.

Ha sottolineato che questo accordo indiretto risponde alle richieste libanesi e preserva pienamente i diritti del Libano, esprimendo il suo ringraziamento a tutti coloro che sono stati al fianco del Libano in questo risultato e ha affermato: «Ciò non sarebbe stato raggiunto senza l’unità e la solidità del Posizione libanese nel resistere a tutte le pressioni.” e nel non impegnarsi in nessun tipo di normalizzazione inaccettabile».

Aoun ha aggiunto: «Quello che abbiamo raggiunto ieri nel fascicolo di demarcazione marina e successivamente di esplorazione ed estrazione, non è stato il prodotto dell’ora, ma il frutto di un lungo processo iniziato nel 2010 quando il progetto di legge sulle risorse petrolifere nelle acque marine libanesi è stato preparato».

Maddalena Ingroia