Lettonia: dai poli tecnologici al porto

66

LETTONIA – RIGA. L’autorità portuale di Riga e la Riga Technical University hanno siglato un accordo destinato a produrre personale specialistico e trasferimenti di tecnologia.

La collaborazione provvederà, a livello sia teorico che pratico, alla formazione di professionisti del management e dell’ingegneria; con un affiancamento nei campi della ricerca e dell’implementazione di tecniche di apprendimento innovative, nonché apportando migliorie all’ambiente lavorativo nel quadro dello sviluppo della conoscenza e del trasferimento tecnologico. Leonids Loginovs, amministratore delegato del Porto di Riga, ha sottolineato come tale cooperazione possa aiutare gli studenti a comprendere il funzionamento delle operazioni portuali e la loro importanza; incoraggiandone al contempo il coinvolgimento nelle attività allo scopo di migliorarne l’efficienza, non solo al cospetto dei porti degli altri stati baltici, ma soprattutto nel quadro della costituzione di una vera e propria regione marittima del Baltico. L’accordo di cooperazione, provvederà a completare la compenetrazione tra i due settori, inserendo come seminaristi negli atenei lettoni interessati dei funzionari dell’autorità portuale e organizzando, grazie alla sponsorizzazione privata, attività congiunte con borse di studio dedicate agli studenti, tirocini e inserimenti di personale giovane e qualificato nel comparto lavorativo della logistica portuale.