La Cina fa i conti con la “previdenza sociale”

45

Preoccupazione tra i futuri pensionati cinesi. Il loro assegno previdenziale, quando c’è, è circa la metà dello stipendio e non basta a coprire le spese di mantenimento né tanto meno per aiutare i figli.

«Mia figlia ha bisogno di un sacco di soldi per completare la sua formazione continua. La mia pensione sarebbe solo metà del mio stipendio attuale mensile di 5.000 yuan ($ 785) e che riesce a coprire i costi di vita e mutui. Ho sentito alcune persone dicono che l’età pensionabile può essere aumentata», ha detto un’infermiera cinese prossima alla pensione. La proposta di estendere l’età pensionabile è sotto i riflettori, dopo che i funzionari del ministero delle Risorse Umane e della Previdenza Sociale hanno proposto un innalzamento dell’età pensionabile in vista dell’allungamento delle prospettive di vita in Cina. «Dal 1970, l’età pensionabile è stata fissata a 60 anni per gli uomini e 55 o 50 per le donne, a seconda del loro lavoro. L’età pensionabile generale nei paesi europei è di 65 anni», ha detto Xia Xueluan, un professore di sociologia all’Università di Pechino a Pechino. «Con crescente speranza di vita, ci dovrebbe essere una corrispondente variazione nella politica pensionistica. Tuttavia, poiché l’estensione influenzerà tutti, dobbiamo evitare di severe norme e attuare una politica volontaria e flessibile, a seconda sulla salute delle persone e la volontà di lavorare» ha detto. Ma alcuni lavoratori hanno detto: «Il rinvio dell’età pensionabile renderà le nostre vite ancora più miserabili. Sarò il primo ad andare contro la politica e la voterà per il pensionamento anticipato », ha dichiarato il sig. Wang. Che ha aggiunto: «Anche il mio vicino, che è un insegnante ed è destinato ad andare in pensione l’anno prossimo, non vuole lasciare il lavoro. Se l’età pensionabile si alza, persone come lui continueranno a godere di servizi medici e vari tipi di indennità. Ma persone come me, quelli che non hanno un lavoro stabile, una volta che perdiamo il nostro lavoro, noi non solo non si dispone di un reddito, ma non potremo nemmeno accedere alla pensione».