Kobani accerchiata da IS

61

SIRIA – Kobani. 18/09/14. Secondo la testata Gulf News, IS avrebbe catturato 21 villaggi e circondato la città curda nel nord della Siria, vicino al confine con, la Turchia, Kobani. Il comandante della città avrebbe richiesto l’aiuto delle forze dell’esercito curdo nella regione. Gli Stati Uniti stanno conducendo attacchi aerei contro l’IS in Iraq e i stanno inviando droni in Siria.

L’attacco alla città al confine con la Turchia è stato fatto con armi pesanti, tra cui i carri armati, IS ha conquistato un gruppo di villaggi curdi vicino alla città di Ayn Al Arab, conosciuta anche come Kobani. L’Osservatorio per i diritti umani conferma che i villaggi sono 21. «Abbiamo perso il contatto con molti dei residenti che vivono nei villaggi che IS ha sequestrato» ha detto, Ocalan Iso, vice capo delle forze curde in Kobani, ha detto alla Reuters via Skype.
Il gruppo sta commettendo massacri e rapisce le donne nelle aree conquistate. Non è stato possibile verificare cosa sta succedendo realmente. I curdi hanno chiesto aiuti militari dagli altri gruppi curdi della regione tra cui il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), ha detto. Alcuni di loro a luglio sono arrivati dalla Turchia per respingere un attacco di IS a Kobani. L’Osservatorio per i diritti umani ha detto che c’erano timori di massacri nelle aree sequestrate da IS. «Questo è un avanzamento molto importante per loro» ha detto, Rami Abdul Rahman, fondatore dell’Osservatorio, alla Reuters, parlando per telefono.
Redur Xelil, portavoce del principale gruppo armato curdo in Siria, il YPG, ha detto che IS ha circondato Kobani. Il gruppo usa carri armati, razzi e artiglieria in attacco. «Chiediamo alle potenze mondiali di fermare questo assalto barbaro di IS», ha detto alla Reuters via Skype.
IS ha cercato di stabilire il controllo su una fascia di territorio vicino al confine con la Turchia, espansione fuori delle sue roccaforti più a est nelle province di Raqqa e Deir Al Zor, che confina con l’Iraq. Il gruppo sta avanzando verso ovest nella provincia settentrionale di Aleppo dal mese di agosto, annettendo a sé il territorio conquistato in precedenza da gruppi armati, con le spade o accordi economici, che hanno combattuto le forze del presidente Bashar Al Assad. Dal momento che Obama ha autorizzato la sorveglianza aerea sulla Siria, gli attivisti hanno riferito di aver avvistato i droni nei cieli sopra Raqqa, a 400 km (250 miglia), a nord est di Damasco. I residenti hanno visto almeno un drone sopra città IS, Al Bab e Manbij nel nord-est provincia di Aleppo, Giovedi, ha detto Abdul Rahman. «Non li avevo mai visti prima» ha detto.

IS ha evacuato gli edifici che stava usando come uffici nella zona, ha aggiunto. Lo stesso ha fatto in altre aree dello Stato Islamico, in previsione degli attacchi, il gruppo ha evacuato le basi e trasferito i suoi combattenti e armi pesanti.
Al Bab si trova a 40 km a nord est di Aleppo, ed è un teatro cruciale della guerra tra Assad e gli insorti. Le forze di Assad e i suoi avversari sono in lotta per il controllo della città. L’alto ufficiale militare statunitense ha detto martedì che gli Stati Uniti stanno progettando «una campagna permanente e sostenibile» contro IS in Siria.