KIRGHIZISTAN. Arrestato leader dell’opposizione per corruzione

104

Un leader dell’opposizione kirghisa è stato arrestato con l’accusa di corruzione da parte dei servizi di sicurezza del paese lo scorso 26 febbraio, poco dopo che il presidente della nazione centroasiatica aveva annunciato le elezioni generali per il prossimo 19 novembre

Omurbek Tekebayev (nella foto), che guida il partito socialista Ata-Meken, aveva aspramente criticato la recente riforma costituzionale che è stata guidata dal presidente Almazbek Atambayev e approvata con un referendum nel mese di dicembre, riporta Efe.

La riforma ha rafforzato i poteri del premier rispetto a quelli del presidente, il parlamento e le autorità regionali.

Le modifiche, in particolare, prevedono il rafforzamento dei poteri del premier in relazione al parlamento del Kirghizistan e modifiche alle norme in materia di diritti umani e cittadinanza.
Il referendum sulla modifica della Costituzione si è tenuto in Kirghizistan l’11 dicembre e durante le votazioni erano presenti 66 osservatori Cis.

Tekebayev è stato arrestato presso il Bishkek International Airport, dove stava arrivando da Vienna dopo aver partecipato ad una sessione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

Il Comitato per la sicurezza nazionale della Repubblica del Kazakistan ha detto che il leader dell’opposizione sarebbe stato trattenuto, dopo che il procuratore generale del Kirghizistan aveva avviato un’indagine penale.

L’uomo d’affari russo Leonid Mayevsky aveva presentato una denuncia accusando Tekebayev di aver ricevuto una tangente da 1 milione di dollari, quando era vice primo Ministro nel governo ad interim nel 2010.

In alcune dichiarazioni ai media locali, Tekebayev aveva detto che non aveva accettato tangenti ed etichettato il caso come persecuzione politica istigata dal presidente in risposta alla sua critica della riforma costituzionale.

Secondo la Costituzione del Kirghizistan, Atambayev non sarà in grado di correre per la rielezione, il 19 novembre, poiché la carica di presidente del Kirghizistan è limitata a un singolo mandato di sei anni, ma è ancora in grado di candidarsi come primo ministro.

Anna Lotti