Ferrovia cinese in Kenya

60

Il Kenya si è rivolto alla Cina per finanziare la costruzione di una nuova linea ferroviaria a scartamento standard tra Mombasa e Nairobi, venendo meno, potenzialmente, ad accordi presi con i Paesi vicini.

La ferrovia, che dovrebbe essere costruita secondo lo standard cinese, servirà per il trasporrto merci con treni la cui velocità massima sarà di 80 kmh, mentre sarà di 120 kmh. I tempi previsti per la costruzione sono di 5 anni, con un costo stimato al massimo di 2,6 miliardi di dollari.

L’impresa costruttrice, la China roads and Bridges Company, ha già firmato un contrattoin esclusiva con la Kenya railways corporation. Naturalmente l’Uganda, uno dei maggiori clienti del porto di Mombasa, così come runada e Burundi, seguiranno l’esempio keniota.

La nuova linea ferroviaria sarà parte di un sistema unico che collegherà Kenya, Uganda, Ruanda e Burundu, infatti.

Il nuovo accordo sino-keniota potrebbe avere delle ripercussioni pesanti stanti i precedenti accordi con la Rift Valley railway sia in Uganda che in Kenya. Per uscire dall’impasse la ferrovia potrebbe essere operata con un standard “open access” in cui operatori multipli potrebbero gestire il traffico merci in competizione con Rvr.

La Rvr ha, però, blindato il suo contratto attraverso una serie di clausole che impediscono ulteriori accordi che possano inficiare i propri interessi. SI potrebbe verificare il caso in cui, in questo modo, i due governi siano trascinati in giudizio per l’utilizzo della nuova ferrovia compromettendone l’utilizzo.

I due stati stanno già adesso attuando misure diplomatiche per uscire dal problema.