Kazakistan: conti bancari esteri sotto i riflettori

42

KAZAKISTAN – Astana. 26/09/13. Il partito kazako Ak Zhol proposto di controllare i conti di tutti i cittadini kazaki in banche estere, a riferirlo il servizio stampa del Majilis (camera bassa del parlamento) del Kazakistan.

Il Membro del Parlamento kazako Azat Peruashev ha affrontato la questione con il primo ministro kazako Serik Akhmetov, il Procuratore generale Askhat Daulbaev e Presidente della Banca nazionale Grigory Marchenko con questa proposta.

«Come è noto, molti Paesi occidentali hanno ottenuto informazioni sui titolari di conti bancari ai fini fiscali da banche estere, anche dai banchieri svizzeri che sono ben noti per la loro riservatezza», ha detto Peruashev.

Questo processo verrà applicato in modo uniforme in tutto il paese per aumentare le entrate fiscali in modo civile, ha aggiunto.

«I parlamentari del Zhol Ak hanno suggerito che il governo, l’ufficio del procuratore generale e l’ABI locale ed enti che presidiano le aree in mare aperto, così come il Regno Unito, Svizzera, Spagna, Germania, Austria, Francia, Lussemburgo, Liechtenstein, Belgio, Paesi Bassi, Hong Kong, Singapore, Emirati Arabi, Stati Uniti e altri, per quanto riguarda i conti personali dei cittadini kazako, così come i conti di membri del governo kazako e dirigenti di imprese di proprietà statale», ha riferito Peruashev.

Secondo il deputato, nel caso in cui i supervisori non riescano a raggiungere e ottenere le informazioni necessarie, il gruppo parlamentare Ak Zhol è pronto a fare una richiesta simile ai deputati di questi paesi con la richiesta di ottenere le informazioni parlamentari su questo tema.