Riaperte fabbriche tessili in Kazkahstan

56

KAZAKHSTAN – Astana 22/11/2014. Sono state riaperte le fabbriche tessili a Shymkent, nel sud del Kazakhstan.

La Utex Jsc e la Jsc Melange fanno parte del gruppo Textiles.kz, erano rimaste inattive per diversi anni. Il loro problema principale era la mancanza di capitale per l’acquisto di materie prime e quindi coprire i costi di produzione. La crisi economica e finanziaria globale del 2008-2009 e le forti fluttuazioni dei prezzi del cotone grezzo sul mercato mondiale hanno fatto il resto. La Baiterek National Managing Holding e le sue sussidiarie, Kazakhstan Investment Fund Jsc e Development Bank of Kazakhstan Jsc, insieme con le autorità regionali hanno rilanciato le fabbriche. Con queste riaperture e l’apertura di nuovi impianti, la capacità di produzione di filati raggiungerà 8,4 milioni di tonnellate all’anno e la capacità di produzione di tessuti finiti, 10,6 milioni di metri lineari all’anno. Sono impiegate più di 400 persone, e alla piena capacità produttiva, oltre 2.000 persone saranno impiegate. Il 30 per cento dei prodotti (biancheria da letto, prodotti in spugna e abiti da lavoro) viene indirizzato verso il mercato nazionale del Kazakhstan, mentre circa il 70 per cento dei prodotti (biancheria da letto, i prodotti di spugna, cardati, pettinati, filati cardati e pettinati, ricci del tipo spugna) saranno esportati verso i paesi d’Europa e verso la Cina.

CONDIVIDI
Articolo precedenteJFC a Herat
Articolo successivoFemminicidi boliviani