I 100 passi verso la modernità kazaka

54

KAZAKHSTAN – Astana 23/05/2015. Il governo del Kazakhstan ha presentato un piano, fatto da “100 passi”, per riformare la pubblica amministrazione del paese e costruire un centro d’affari internazionali.

Il presidente del Kazakhstan Nursultan Nazarbayev ha presentato il suo programma di “100 passi”, che cerca di riformare il governo del paese e del settore finanziario per creare un centro finanziario regionale nel paese tra i principali esportatori di petrolio.
Il programma mira a riformare la pubblica amministrazione, lo stato di diritto e la governance economica, oltre a creare una identità inclusiva in una nazione con una considerevole minoranza russa. Il centro finanziario avrà anche uno speciale status giuridico, e l’inglese come lingua ufficiale. Il programma pone un forte accento sulla conoscenza della lingua inglese e sull’istruzione: le classi delle scuole superiori saranno in parte tenute, infatti, in lingua inglese. Il programma propone una vasta riforma della pubblica amministrazione del Kazakhstan che comprende la riforma del sistema giudiziario e della polizia. I dipendenti governativi saranno pagate in base alle loro realizzazioni e dirigenti stranieri saranno invitati a lavorare nell’apparato di governo.
Il programma mira anche a modificare il diritto doganale e a collegarlo al diritto tributario al fine di evitare frodi fiscali. Inoltre, i codici di costruzione saranno aggiornati agli standard europei, mentre il processo per le autorizzazioni verrà semplificato.