I benenici dell’Unione Economica Euroasiatica

59

KAZAKHSTAN – Astana. 12/10/14. L’Unione economica eurasiatica, secondo l’ex capo della KazMunaiGas Lyazzat Kiinov, avrà un effetto positivo sulla situazione dell’approvvigionamento della benzina in Kazakhstan.

Fonte Tengrinews. «Voi tutti sapete che, mentre il Kazakistan produce oltre 80 milioni di tonnellate di petrolio greggio, i kazaki stanno subendo la carenza di carburante alla pompa. Allora, qual è il motivo di tale carenza? Principalmente, questo sta accadendo perché stiamo ancora ricevendo, fino al 40% del nostro carburante dalla Russia, e per tutta una serie di altre ragioni . Il nostro governo sta cercando di capire come mai il combustibile dalla Russia non è stato consegnato in tempo utile, da dove derivai le lentezze di consegna. Tutto questo ha causato questo grande (mancanza di carburante) problema» ha detto. «C’è un altro aspetto importante da notare. Riceviamo il carburante in esenzione da dazi doganali che ammontano a 500 milioni dollari perché siamo membri della stessa unione economica (Unione doganale di Russia, Kazakistan e Bielorussia). Immaginate se questi costi si andassero ad aggiungere al prezzo della benzina e del gasolio che usiamo», ha detto Kiinov, un membro del Senato che sostiene la ratifica dell’Unione economica eurasiatica al parlamento kazako. L’Unione economica eurasiatica è un’unione politica ed economica firmata da Russia, Bielorussia e Kazakistan il 29 maggio 2014, che entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2015 tutti e tre i paesi hanno già ratificato l’accordo: la Russia è stato il primo a completare tutte le procedure e ratificare la settimana scorsa. Kazakistan e la Bielorussia hanno ratificato il 9 ottobre. L’Unione economica eurasiatica creerà un mercato unico di 171 milioni di persone generando un PIL di 3.000 miliardi dollari. «Quasi l’80% del petrolio e del gas che il Kazakistan esporta passa attraverso il territorio russo. Questo è anche utile per noi, dal momento che i nostri paesi hanno accettato di mettere tariffe simili della benzina. Ci sono molti altri esempi di benefici», ha chiosato il parlamentare. Giovedì il ministro dell’Economia Nazionale del Kazakhstan Yerbolat Dossayev ha detto che entro il 2025 i paesi dell’Unione eurasiatica creerà un mercato unico di petrolio e prodotti petroliferi. Il mercato unico, allora, non avrebbe dazi doganali o limitazioni nel commercio reciproco tra gli stati.