Astana: Banca Centrale pro PMI

58

KAZAKHSTAN – Astana. 06/07/14. La Banca Nazionale del Kazakhstan (NBK) e la Camera Nazionale degli Imprenditori (PMI) hanno firmato un memorandum di cooperazione e comprensione, in base al quale intendono sviluppare un dialogo costruttivo tra il mondo imprenditoriale e la Banca Nazionale della Repubblica, ha riferito IA “News Kazakhstan”, con riferimento al servizio stampa della Banca Nazionale.

«Questo evento è stato il primo passo di una serie di azioni previste congiunte volte a migliorare la disponibilità di finanziamenti per il business domestico. Le parti hanno convenuto di compiere ogni sforzo per accogliere il punto di vista della comunità finanziaria presso la Banca Nazionale nel processo decisionale che riguarda le condizioni generali di sviluppo del settore» si legge nel comunicato stampa. Sono state individuate priorità d’azione comuni: il mantenimento della stabilità del settore finanziario del Kazakhstan, compresa la rapida ripresa del settore bancario, promuovere la qualità della crescita economica, migliorare la qualità e la disponibilità dei servizi finanziari, in particolare nelle regioni, aumentando il livello di alfabetizzazione finanziaria e delle piccole imprese, nonché lo sviluppo il mercato azionario. «NBK e NPP svilupperanno un accordo dettagliato, che disciplinerà lo scambio di opinioni e pareri di esperti, la valutazione del lavoro congiunto nei media, la politica di trasparenza nel lavoro. Le parti hanno convenuto che la Camera Nazionale degli imprenditori con il sostegno della Banca nazionale avvierà un programma nazionale per aumentare l’alfabetizzazione finanziaria e condurrà la ricerca sul livello di accesso ai servizi finanziari, in particolare nelle piccole città e nelle aree rurali» si legge ancor nel comunicato stampa congiunto. In base alle disposizioni del Memorandum, il PNP e la Banca nazionale svilupperanno congiuntamente proposte per l’ulteriore sviluppo del settore finanziario da sottoporre all’esame del governo e le autorità pubbliche, per collaborare per migliorare la legislazione concernente le relazioni nel campo della finanza, anche nel quadro del processo di integrazione, nonché rispettare i principi la trasparenza della cooperazione in attività congiunte.