OCSE: monitoriamo sul nagorno-Karabakh

28

AZERBAIJAN – Baku. 17/04/14. Situazione sempre più tesa tra truppe azere e armene. A dirlo ieri, 16 aprile, il Rappresentante OSCE in Azerbaijan, Andrzej Kasprzyk.

«I rapporti riflettono un numero relativamente elevato di sparatorie, e anche di più gravi violazioni di vittime, ognuno dei quali è una tragedia per le famiglie delle vittim» ha detto. Il Rappresentante dell’OSCE ha detto che il suo ufficio continua a monitorare la situazione lungo le linee di contatto e di confine armeno – azero con il pieno sostegno e l’assistenza delle autorità competenti. «Come sempre i miei rapporti relativi al regime di cessate il fuoco sono fatti direttamente al Presidente in carica dell’OSCE e al Gruppo di Minsk», ha detto. Per altro, Kasprzyk ritiene che la situazione in Ucraina non deve distogliere l’attenzione sul Nagorno – Karabakh: «I Gruppo di Minsk e i copresidenti stanno lavorando continuamente per presentare le idee ai due paesi per portare avanti il processo di pace». E poi ha aggiunto: «Io e la mia squadra siamo continuamente in viaggio per coprire tutte le aree colpite da conflitti, al fine di mantenere i contatti con tutte le parti interessate e assicurare che le notizie giungano tempestivamente dal Presidente in esercizio dell’OSCE e dei Co -presidenti del Gruppo di Minsk», ha ha detto .