2 giugno in Afghanistan

80

AFGHANISTAN – Herat 03/06/2014. Anche a Camp Arena, Herat, la base che ospita i militari del Regional Command West, il comando multinazionale ed interforze di ISAF su base Brigata “Sassari” responsabile delle operazioni militari nell’area occidentale dell’Afghanistan, si è festeggiato il 68° anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana.

La cerimonia ha avuto inizio nel piazzale della base con la deposizione di una corona al monumento ai Caduti e l’osservanza di un minuto di raccoglimento. Per l’occasione sono state schierate le rappresentanze di tutte le specialità delle Forze Armate italiane al cospetto della pluridecorata bandiera di guerra del 152° reggimento fanteria “Sassari” e dello stendardo di combattimento del 7° reggimento AVES “Vega”, “ideale sintesi dei valori di fedeltà, onore e rigore morale”, ha detto il generale Manlio Scopigno, comandante del contingente italiano in Afghanistan, “che sempre hanno contraddistinto i militari italiani, in Patria e all’estero, nella difesa della nazione, nell’affermazione della pace e nella salvaguardia delle sue libere istituzioni”.
A rendere omaggio alla Repubblica Italiana, anche la banda musicale del 207° corpo d’armata dell’esercito afghano, schierata per l’occasione in alta uniforme, che ha intonato “Dimonios”, il celebre inno della brigata “Sassari”, l’unità dell’Esercito Italiano su cui si basa il contingente multinazionale ed interforze della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf).
“Con il tradizionale rito dell’alzabandiera”, ha proseguito il generale Scopigno, “ogni giorno i militari italiani rinnovano idealmente il proprio giuramento di fedeltà alla Patria e alla sua costituzione. Questo spiega il senso del nostro impegno e del nostro servizio nei più svariati scenari operativi: l’essere imprescindibile strumento di sicurezza e di stabilità internazionale in tante tormentate regioni del mondo ancora caratterizzate da forme differenziate di violenza e di conflittualità”.
Durante la cerimonia, alla quale hanno preso parte il governatore della provincia di Herat Sayed Fazullah Wahidi, il procuratore capo Maria Bashir, i principali esponenti delle forze di sicurezza afghane e i rappresentanti delle Forze Armate dei paesi alleati, è stata data lettura dei messaggi augurali del Capo dello Stato e dei più alti vertici della Difesa mentre il cappellano militare del contingente, padre Mariano Asunis, ha recitato la “Preghiera per la Patria”.