#ISRAELHAMASWAR. Truppe e carri armati egiziani al confine con Gaza. IDF e ISA: liberati due ostaggi israeliano-argentini da Rafah

57

Sembrano essere contraddittorie le ultime dichiarazioni statunitensi che vengono dalla Casa Bianca. «La risposta di Israele a Gaza all’incursione di Hamas è stata eccessiva» ha detto il presidente Joe Biden.

E ancora il Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha definito errato l’approccio dell’amministrazione Biden alla guerra nella Striscia di Gaza e ha affermato la necessità di misure per creare uno Stato palestinese.

Il presidente degli Stati Uniti ha ripetutamente definito il primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu un mostro in conversazioni private, riferisce NBC News, citando fonti. In precedenza, il Washington Post, citando fonti, aveva scritto che l’Amministrazione Biden non vede più Netanyahu come un partner produttivo che può essere influenzato anche privatamente, ed è prossima alla rottura con lui.

A peggiorare i rapporti l’intenzione di Israele di espandere l’operazione di terra nella Striscia di Gaza fino alla città di Rafah ha riferito la NBC citando una fonte. Secondo NBC, Washington ritiene che Israele non sia ancora pronto a portare avanti l’operazione in modo da evitare la perdita di più di un milione di civili che, a causa dei combattimenti, sono fuggiti dalle loro case e si sono rifugiati a Rafah.

Un rapporto dell’intelligence statunitense afferma inoltre che Israele non può distruggere Hamas. La maggior parte delle operazioni israeliane a Gaza sono fallite, riferisce il New York Times. 

Durante la visita del primo ministro olandese Mark Rutte in Israele, il governo olandese ha dichiarato che avrebbe presentato ricorso contro la decisione del tribunale di interrompere la fornitura a Israele di parti per gli aerei da combattimento F-35.

Il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha dichiarato: «Siamo molto preoccupati per la possibilità di un’operazione militare a Rafah».

L’Egitto nel fine settimana ha ammassato carri armati al confine di Rafah e sta minacciando di sospendere gli accordi di Camp David con Israele se le truppe israeliane verranno inviate nella città di Rafah nella Striscia di Gaza, riferisce AP, citando funzionari egiziani.

In precedenza, il quotidiano Jerusalem Post ha riferito che il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant aveva dichiarato che il prossimo obiettivo dei soldati israeliani sarà la città di Rafah, al confine tra Gaza e l’Egitto. Fino ad ora, l’esercito ha evitato di utilizzare truppe di terra a Rafah per evitare di far “arrabbiare” le autorità egiziane.

Secondo la social sfera per ora sarebbero 40 i carri armati e mezzi corazzati nel nord-est del Sinai. L’Egitto ha iniziato a costruire barricate al confine con la Striscia di Gaza, riferisce Al Jazeera. Nella giornata del 12 febbraio i sistemi di difesa aerea egiziani S-75 vengono schierati a est verso la Striscia di Gaza.

L’11 di febbraio il generale israeliano in pensione Yitzhak Barek ha affermato che Israele oggi deve affrontare un grosso problema con l’Egitto e che una decisione del Cairo lo renderà un paese ostile a Tel Aviv.

Il ministero degli Esteri saudita si oppone all’intenzione di Israele di entrare a Rafah: «Mettiamo in guardia dalle pericolose conseguenze di un’invasione e di un attacco a Rafah, l’ultimo rifugio per centinaia di migliaia di civili costretti a fuggire dopo la brutale aggressione israeliana. Condanniamo fermamente la loro deportazione e chiediamo l’immediata ripresa del cessate il fuoco. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU deve essere convocato urgentemente per evitare che Israele crei una catastrofe umanitaria»,

Minacce anche da Damasco contro Tel Aviv. «La Siria ha combattuto diverse guerre in Israele ed è pronta per delle nuove guerre», ha detto il ministro degli Esteri siriano Faisal Miqdad. «La Siria deciderà quando e dove», ha detto Miqdad durante una conferenza stampa a Damasco con il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian. Il capo del ministero degli Esteri siriano ha aggiunto che l’occupazione di parte del territorio del paese da parte di Israele, Stati Uniti e Turchia è illegale, sottolineando che la Siria è “pronta a liberare le sue terre”.

La leadership siriana ha dichiarato: Siamo pronti a iniziare una guerra contro Tel Aviv, ma siamo noi a decidere “quando e come”. La liberazione del Golan è una delle nostre priorità.

Il primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che “le cose giuste” stanno accadendo nella Striscia di Gaza, ma non è riuscito a dare peso ai commenti del leader americano Joe Biden sulla reazione eccessiva all’attacco di Hamas.

«Apprezzo il sostegno del presidente Biden a Israele dall’inizio della guerra. Non so cosa intendesse esattamente», ha detto Netanyahu in un’intervista ad ABC News. Netanyahu ha affermato che la risposta di Israele è stata coerente con il livello di minaccia, con i civili palestinesi avvertiti in vari modi e esortati a lasciare le loro case attraverso corridoi sicuri. «Penso che stiamo facendo la cosa giusta e vinceremo, la vittoria è a portata di mano», ha detto il primo Ministro.

Secondo Sky News Arabia, citando il canale israeliano 13: Netanyahu ha chiesto una nuova mobilitazione dei soldati di riserva per prepararsi all’invasione militare di Rafah. 

Nel fine settimana registrai raid aerei contro lo Yemen a Hodeidah e nella regione di Zada. Il Pentagono ha dichiarato di aver attaccato ieri due navi senza pilota e cinque missili di proprietà degli Houthi che erano pronti per essere lanciati contro navi militari e commerciali in mare al largo dello Yemen.

Dal Consiglio Politico Supremo del movimento Ansar Allah, Mohammed Ali al-Houthi ha intimato: «Diciamo a Israele che qualsiasi escalation a Rafah o nella Striscia di Gaza, il nostro percorso è un’escalation». Il 12 di febbraio il British Maritime Trade Center ha riferito che la nave è stata colpita da due missili nello stretto di Bab al-Mandab. Non ci sono stati feriti, la nave continua a navigare. La nave attaccata appartiene alla Grecia e trasportava mais dal Brasile all’Iran.

Secondo il portavoce delle forze armate yemenite, Yahya Saree invece: «Abbiamo preso di mira la nave americana “Star Iris” nel Mar Rosso con una serie di missili navali».

Le milizie appoggiate dall’Iran in Iraq hanno annunciato ieri sera una piena ripresa degli attacchi contro le forze armate statunitensi in Iraq e Siria. Circa una settimana fa, la milizia chiamata Kata’ib Hezbollah (Brigate Hezbollah irachene) ha annunciato la cessazione degli attacchi, ma dopo che la settimana scorsa gli Stati Uniti hanno ucciso un alto funzionario Abu Bakr al-Saadi a Baghdad tornano ad attaccare. 

Secondo fonti turche il figlio del capo dell’Ufficio politico di Hamas, Ismail Haniyeh, è ​​morto in seguito al bombardamento israeliano della Striscia di Gaza. Il 10 febbraio in annuncio congiunto dell’IDF e dell’ISA hanno riferito: “Stamattina, seguendo l’intelligence dell’IDF e dell’ISA, aerei hanno colpito ed eliminato Ahmed Eliakubi, un importante agente di Hamas nell’area di Rafah. Eliakubi era responsabile delle misure di sicurezza per gli alti dirigenti di Hamas e ha servito come comandante senior nel distretto di Rafah. Durante l’attacco, Iman Rantisi, un alto agente militare di Hamas, è stato eliminato, e un altro agente è stato ucciso”.

Ed ora uno sguardo al fronte aggiornato alle 17:00 del 12 di febbraio

Nel fine settimana sono continuati gli scontri con Hezbollah al confine con il libano sud. Hezbollah ha preso con successo il controllo di un UAV dell’esercito israeliano. L’IDF ha riferito della morte di due soldati con il grado di sergenti delle forze speciali Maglan a Gaza.

Continuati i bombardamenti su Khan Yunis da parte dell’esercito israeliano anche nella giornata del 12 di febbraio. L’IDF ha condotto una serie di attacchi contro obiettivi terroristici nell’area di Shaboura, nel sud della Striscia di Gaza. Gli scioperi sono terminati. L’operazione di terra è in stato avanzato. Sabato il Capo di Stato Maggiore, Herzi Halevi, e il capo dell’ISA, Ronen Bar, sono entrati a Khan Yunis insieme al comandante del comando meridionale e alle forze della 98a divisione e hanno condotto una valutazione della situazione in zona. 

Le forze di difesa israeliane hanno riferito di aver condotto un’operazione di salvataggio nel centro di Rafah, situato nel sud della Striscia di Gaza, per liberare due ostaggi, israelo-argentini: Luis Jara, 70 anni, e Fernando Simon Marmann, 60 anni. Questi ostaggi sono stati rapiti dai militanti del Kibbutz Nir Yitzhak.

Secondo un rapporto del comando israeliano, i soldati dell’IDF si sono diretti di nascosto verso l’edificio residenziale dove erano tenuti gli ostaggi. Hanno poi sfondato uno dei muri e hanno ingaggiato uno scontro a fuoco con i militanti palestinesi. Una volta rilasciati gli ostaggi, gli israeliani si sono ritirati dalla scena accompagnati da veicoli blindati.

I media palestinesi hanno fornito una copertura minima di questo incidente, in netto contrasto con il vasto bombardamento della città seguito subito dopo l’operazione. Sono stati condivisi online video che mostrano la significativa distruzione di edifici residenziali e moschee nelle zone centrali della città.

Allo stesso tempo, la notte scorsa è stata una delle più impegnative per i residenti di Rafah dall’inizio dell’escalation. Secondo Hamas, più di 100 persone sono state uccise nella città e circa altre 200 hanno riportato ferite di varia gravità. Il gruppo ha già lanciato un appello alla Lega degli Stati arabi e al Consiglio di sicurezza dell’ONU, esortandoli ad agire immediatamente.

L’IDF ha sparato contro i campi profughi di Rafah anche il 12 di febbraio. Il Movimento del Jihad Islamico ha riferito che: “L’insistenza del nemico nel continuare i suoi crimini, in particolare commettendo un terribile massacro nella città di Rafah la scorsa notte, è una continuazione della guerra sistematica di sterminio contro il popolo palestinese”.

“Avvertiamo il mondo intero, in particolare i paesi arabi, che l’attacco israeliano a Rafah mira a sfollare il nostro popolo dalla propria terra e a liquidare la causa palestinese, che minaccia la sicurezza nazionale araba e islamica”.

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/