#ISRAELHAMASWAR. Gallant negli Stati Uniti per decidere sulla questione di Hezbollah

52
Screenshot

Il primo Ministro israeliano Netanyahu ha deciso di abolire il gabinetto di guerra e terrà consultazioni limitate su questioni delicate; “cucina” (come già accadeva prima dell’inizio della guerra).

Prima del viaggio negli Stati Uniti, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha valutato la situazione in Libano con il capo di stato maggiore dell’IDF, tenente generale Herzi Halevi, capo del comando settentrionale, generale Ori Gordin e capo dell’aeronautica israeliana, generale Tomer Bar. All’incontro presso la sede del Comando Nord a Safed hanno partecipato anche il capo del Comando Logistico, Maggiore Generale Rafi Milo, e il Capo del Corpo di Stato Maggiore Generale, Maggiore Generale David Zini e altri ufficiali.

Gallant è stato informato sugli “ultimi sviluppi nella lotta contro Hezbollah”, ha detto il suo ufficio. Il Dipartimento della Difesa afferma che Gallant si è “concentrato” sulla minaccia rappresentata dagli UAV di Hezbollah e sui modi in cui Israele può migliorare la sua lotta contro di essi. Ha inoltre consigliato ai generali di “essere pienamente preparati per tutti gli scenari”.

“Stiamo ultimando la preparazione terrestre e aerea, rafforzando i sistemi di intelligence e preparandoci per ogni eventualità”, ha detto Gallant in una dichiarazione del ministero. “Abbiamo l’obbligo di cambiare la situazione nel nord e riportare i cittadini sani e salvi alle loro case, e troveremo un modo per farlo”, dice, riferendosi alle decine di migliaia di israeliani sfollati a causa degli attacchi di Hezbollah.

Halevi ha detto a Gallant durante l’incontro che l’esercito è “molto determinato, pronto ad un altissimo livello di prontezza oggi” e pronto a “prendere le giuste decisioni”.

Il ministro della Difesa israeliano Gallant prima della partenza per Washington ha dichiarato che: “I rapporti con gli Stati Uniti sono più importanti che mai. Gli incontri con gli alti funzionari governativi sono decisivi per il futuro della guerra.”

Il ministro della Difesa ha dichiarato prima di salire sull’aereo il 23 giugno: “Gli Stati Uniti sono il nostro alleato più importante e centrale, e i nostri legami sono particolarmente importanti oggi, forse più che mai. In questi incontri discuterò della situazione sul fronte di Gaza, sul fronte libanese, che in questo momento è di importanza decisiva. Siamo pronti per qualsiasi azione possa essere necessaria – a Gaza, in Libano e in altri luoghi. Il passaggio alla Fase III nella Striscia di Gaza è significativo. “Discuterò con alti funzionari dell’amministrazione americana questa transizione e come può contribuire ad altri scopi, e so che raggiungeremo una stretta cooperazione tra Israele e Stati Uniti anche su questo tema.”

Il 24 giugno in tarda mattinata 10 aerei da trasporto americani con armi moderne sono atterrati in Israele. Sempre il 24 giugno il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha incontrato Amos Hochstein, consigliere senior del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Durante l’incontro si è continuato a parlare delle azioni da intraprendere per raggiungere una situazione che permetta ai residenti del nord di Israele di tornare alle loro case, il Ministro della Difesa ha sottolineato il suo impegno a cambiare la situazione della sicurezza nella zona di confine.

Gallant ha detto a Hochstein che il passaggio alla terza fase della guerra a Gaza avrebbe avuto un impatto su tutti i settori, e Israele si stava preparando a tutte le possibilità: militari e politiche.

Non si placano le polemiche sul ruolo di Cipro negli attacchi a Hezbollah. I media ciprioti riportano un forte aumento delle cancellazioni di alberghi.

Charles Quinton Brown Jr., presidente dello stato maggiore congiunto dell’esercito americano: Qualsiasi attacco militare israeliano al Libano potrebbe portare a una risposta iraniana, che potrebbe portare a una guerra più ampia, nel qual caso Washington probabilmente non sarebbe in grado di aiutare Israele a difendersi.

Secondo Neil Crompton, Ambasciatore del Regno Unito in Arabia Saudita: “La guerra di Israele con il Libano diventerà rapidamente globale”.

Fonti palestinesi hanno riferito a Reuters: “I colloqui di riconciliazione Hamas-Fatah a Pechino sono stati rinviati senza fissare una nuova data”. Un fallimento dunque. 

Continuano a far parlare di sé gli Houthi. On line a partire dal 21 di giugno il video della drone marino senza equipaggio Toofan 1, dotata di 150 kg di esplosivo, apparentemente utilizzata per affondare la nave portarinfuse greca Tutor nel Mar Rosso.

Tra il 22 e il 24 di giugno, il British Maritime Trade Center ha segnalato più di un attacco Houthi: nel Golfo di Aden secondo un portavoce dell’ala militare degli Houthi si registra un attacco a una nave commerciale nel Golfo di Aden e ancora una attacco alla portaerei Dwight Eisenhower nel Mar Rosso.

Funzionari statunitensi parlando con Reuters negano l’affermazione degli Houthi secondo cui avrebbero attaccato la portaerei CVN 69 Dwight Eisenhower nel Mar Rosso. L’esercito americano ha anche annunciato ufficialmente che la portaerei Dwight Eisenhower lascerà la regione e il suo personale potrà incontrare le proprie famiglie. Al suo posto, la portaerei CVN 71 Theodor Roosevelt arriverà nell’area dopo aver completato le esercitazioni militari nella regione dell’Indo-Pacifico. Un portavoce del Pentagono ha detto che la portaerei Dwight Eisenhower ha lasciato il 22 giugno il Mar Rosso e rimarrà brevemente nel Mediterraneo prima di tornare negli Stati Uniti.

Nuovo attacco Houthi segnalato nel Mar Arabico il 24 giugno. 

Secondo i media israeliani, Hezbollah ha risposto alla visita dell’inviato americano Hochstein in Israele e Libano con la seguente minaccia: “Se scoprissimo i preparativi per un attacco israeliano, prenderemo in considerazione l’idea di lanciare un attacco preventivo”.

Già il 19 giugno il segretario generale di Hezbollah Nasrallah minacciava il governo cipriota: “Se aprirà i suoi aeroporti e le sue basi a Israele affinché vengano utilizzati durante la guerra, allora Cipro parteciperà alla guerra. Il numero dei nostri combattenti ha superato di gran lunga i 100mila, e ne abbiamo più di quelli di cui il fronte ha bisogno, anche nelle peggiori condizioni di guerra”.

Il Portavoce del governo di Cipro ha risposto: “Nessun paese riceverà il permesso di condurre operazioni militari da Cipro”. In realtà dalla base britannica di Akrotiri a Cipro partono gli aerei per attacchi contro gli Houthi. 

La delegazione cipriota ha ribadito in più occasioni la posizione di Cipro secondo cui “non consente a nessun paese di utilizzare il proprio territorio e le proprie basi aeree per minacciare il Libano”. La delegazione ha inoltre affermato che esistono due basi britanniche che non sono soggette alla giurisdizione cipriota. 

A partire dal 22 giugno Reuters riferisce che Israele potrebbe attaccare il Libano nelle prossime giornate proprio dal territorio cipriota. Par paura di un escalation a partire dal 22 giugno 250.000 libanesi hanno lasciato il Paese in due giorni. Kuwait e Bulgaria hanno invitato i propri cittadini a lasciare il Libano. 

L’IDF ha ammesso che due equipaggi di carri armati sono rimasti danneggiati a Gaza a causa delle munizioni anticarro che hanno colpito un carro armato.

Ed ora uno sguardo l’aggravamento della situazione in Israele aggiornato alle 16:00 del 24 giugno.

Al nord di Israele e in Libano sud, secondo i dati raccolti dal centro studi ALMA, nelle ultime 72 ore Hezbollah ha rivendicato la responsabilità di 18 attacchi utilizzando fuoco ad alta traiettoria (compresi razzi Grad), missili anticarro e UAV suicidi. Nessuna rivendicazione in merito a tre tentativi di incursioni di UAV, che sono stati intercettati intorno a Dishon e Malkia, alture di Golan meridionali e Misgav (centro della Galilea).

Giovedì (20 giugno), in un attacco aereo vicino a Deir Kifa, Israele ha ucciso Abbas Ibrahim Hamza Hamada, il comandante delle operazioni di Hezbollah nell’area di Jouaiyya. Hamada era responsabile della pianificazione e della realizzazione di attacchi terroristici contro Israele e del comando delle forze di terra di Hezbollah a Jouaiyya. Negli ultimi mesi, Hamada ha lavorato per incorporare ulteriormente le forze di Hezbollah nel sud del Libano come parte degli sforzi per migliorare le capacità di combattimento di terra dell’organizzazione terroristica.

In risposta, Hezbollah ha lanciato razzi Grad verso Zarit nell’Alta Galilea e un UAV suicida verso una base militare nella Galilea occidentale.

Il 22 giugno, Hezbollah ha effettuato due attacchi contro la comunità di Metula e un altro contro la comunità di Manara, colpendo edifici civili con missili anticarro.

Il 23 giugno in un attacco aereo nel villaggio di Hiyara nella Beqaa, Israele ha ucciso Ayman Hashem Ghatame, un comandante militare delle forze Al-Fajr. Le forze Al-Fajr sono l’ala militare dell’organizzazione Al-Jama’a al-Islamiyya, che opera sotto gli auspici di Hamas Libano.

In risposta, Hezbollah ha lanciato UAV suicidi verso una base militare intorno a Beit Hillel e il 24 mattina verso una base militare intorno a Ayelet Ha’Shahar.

Nelle ultime 24 ore, l’IDF ha colpito diversi obiettivi di Hezbollah, tra cui un lanciatore di missili terra-aria di Hezbollah, depositi di armi, complessi, infrastrutture e posti di osservazione intorno a Rihan, Houla, Tallouseh, Meiss El Jabal, Aitaroun , Yaroun, Taybeh, Deir Seryan, Khiam, Ayta ash Shab, Yaroun, Ramyeh e Kfarkela

Inoltre, i soldati dell’IDF hanno sparato colpi di artiglieria per rimuovere le minacce in diverse aree del Libano meridionale, tra cui Ayta ash Shab, Jibbain e Tallouseh.

Continuano gli attacchi anche a Gaza. Gli aerei Israeliani hanno aperto il fuoco nelle vicinanze della rotatoria di Al-Nabulsi e di Sheikh Ajlin, a sud-ovest di Gaza City. Elicotteri e carri armati Israeliani hanno sparano nel sud del quartiere di Al-Zaytoun, a sud di Gaza City. Gli scontri sono durati per diverse ore. Veicoli militari israeliani incendiano nella zona di Sheikh Ajlin, a ovest di Gaza City

Violenti e continui bombardamenti di artiglieria e intensi spari sul quartiere saudita a ovest di Rafah.

Scontri anche in Cisgiordania: si registrano ferite da soffocamento durante gli scontri con gli occupanti nel campo di Al-Arroub, a nord di Hebron. Le forze di sicurezza israeliane conducono un’operazione speciale a Jenin. Sparatoria ha colpito le forze israeliane nell’area di Wadi Al-Faraa, a sud di Tubas. Secondo testimoni oculari: “Colonne di fumo si sono alzate dopo che le forze israeliane sono state prese di mira con un ordigno esplosivo nelle vicinanze del campo di Al-Far’a, a sud di Tubas”. Scotnri tra forze israeliane e uomini legati alla resistenza islamica. 

Rinnovati arresti, 50, da parte delle forze israeliane durante l’assalto alla città di Silwad, a nord-est di Ramallah. Parte delle forze israeliane hanno preso d’assalto il villaggio di Balaa, a nord-est di Tulkarem. Sparatoria ha colpito le forze di occupazione nelle vicinanze del campo di Balata, a est di Nablus.

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/