ISRAELE. Tel Aviv in piazza contro la riforma giudiziaria

213

Lunedì scorso la polizia israeliana ha disperso con mezzi speciali una manifestazione contro la riforma giudiziaria e il governo di Benjamin Netanyahu. Per disperdere la folla, le forze dell’ordine hanno usato cannoni ad acqua, granate e gas lacrimogeni.

Proteste di massa hanno avuto luogo nel paese dall’inizio dell’anno dopo che il ministro della Giustizia Yariv Levin ha annunciato piani per una riforma che porterebbe la Corte Suprema sotto il controllo del parlamento e dell’attuale governo.

Nell’ultima settimana le proteste sono diventate sempre più feroci: sullo sfondo dei dibattiti parlamentari, i manifestanti si scontrano sempre più con la polizia e cercano di bloccare le principali arterie di trasporto delle città.

Allo stesso tempo, nel Paese si è intensificato il conflitto israelo-palestinese. Le forze di difesa israeliane (IDF) hanno condotto un’operazione speciale su larga scala a Nablus, durante la quale, oltre ai terroristi, sono state colpite diverse dozzine di civili.

In risposta, i palestinesi del territorio della Striscia di Gaza hanno sparato contro Sderot e Ashkelon, ma i sistemi di difesa aerea sono stati in grado di intercettare tutti i razzi. L’aviazione israeliana, a sua volta, ha attaccato la città di Al-Breij, affermando che gli obiettivi erano oggetto di radicali islamici di Hamas.

Poco dopo, un terrorista arabo ha ucciso due israeliani vicino al villaggio di Khawara, fatto che ha scatenato un “pogrom” nel villaggio. I coloni ebrei nella notte tra il 26 e il 27 febbraio hanno iniziato a bruciare case e automobili arabe, mentre, secondo alcuni rapporti, le forze di sicurezza israeliane quasi non sono intervenute nei disordini.

I palestinesi ritengono che almeno 100 civili siano rimasti feriti durante la notte e che circa 30 case palestinesi siano state incendiate. Allo stesso tempo, il ministro delle Finanze israeliano Bezalel Smotrich ha affermato che il villaggio abitato da palestinesi dovrebbe essere completamente raso al suolo.

Successivamente, le forze di difesa israeliane, secondo loro, hanno arrestato otto militanti coinvolti in attacchi contro civili e agenti delle forze dell’ordine.

Molti altri attacchi terroristici contro gli israeliani si sono verificati all’incrocio di Beit Haarava, nella città di Al-Mog e Netanya. In questo contesto, in prima lettura è stato approvato un disegno di legge sulla pena di morte per i terroristi. Allo stesso tempo, secondo l’attuale formulazione della legge, l’esecuzione minaccerebbe solo i terroristi di nazionalità araba.

A cercare di sedare gli animi sotto gli auspici della Giordania, si sono svolti negoziati tra l’Autorità nazionale palestinese (ANP) e Israele nella città di Aqaba. A seguito dell’incontro, le parti avrebbero concordato di tentare di ridurre il grado di escalation: i funzionari israeliani si sono impegnati a interrompere per quattro mesi le discussioni sui nuovi insediamenti sulla riva sinistra del Giordano.

All’incontro hanno partecipato funzionari israeliani, dell’ANP, giordani, statunitensi ed egiziani. Al negoziato si sono opposti i movimenti Hamas e AMB (l’ala paramilitare del partito Fatah, che controlla l’Anp).

Nonostante i contatti tra le parti in conflitto, il raggiungimento di un compromesso tra Israele e Palestina sembra estremamente improbabile. I membri di estrema destra del governo Netanyahu hanno già affermato di non voler congelare la costruzione degli insediamenti e di non essere coinvolti nei negoziati in Giordania.

In effetti, sta emergendo una situazione di stallo per le attuali autorità: o avviare negoziati, che minacciano di far crollare la coalizione al potere, oppure il conflitto continuerà a intensificarsi ulteriormente, poiché l’estrema destra non è chiaramente pronta a fare concessioni ai palestinesi.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/