Israele, troppi disoccupati rallentano la crescita

46

ISRAELE – Tel Aviv. Il presidente uscente della Banca d’Israele, Stanley Fischer, ha detto che economicamente nel breve termine Israele non avrà problemi ma vede nubi all’orizzonte.
Nonostante la grande capacità di Israele di riprendersi dalle crisi economiche coma quella generata nel 2006 dalla guerra del Libano, nel lungo periodo ci saranno ostacoli alla crescita. Anche se il problema sarà globale ad esclusione della Svezia, il banchiere prevede che Israele se vuole continuare a prosperare dovrà trovare un’intesa con gli arabi israeliani e gli ebrei arredi, popolazione che deve andare al lavoro e sostenere così la crescita della società.
«In caso contrario, Israele potrebbe trasformarsi in uno stato sociale iniquo, sprecando preziose risorse sui trasferimenti inutili».
Fischer di fronte ai i giornalisti stranieri a Gerusalemme Press Club ha presentato, giovedì scorso, una sintesi dei suoi quasi otto anni al timone.
Con una robusta crescita che si prospetta intorno al 10% Israele si deve guardare da due problemi imminenti: alti prezzi immobiliari, e un deficit di bilancio di grandi dimensioni.

Ma con un piccolo sforzo nella giusta direzione, secondo Fischer, entrambi potrebbero essere trattati con successo. Prezzi immobiliari nel centro del paese sono ancora troppo elevati. Un sacco di gente vuole vivere a Tel Aviv, ma non c’è più terra disponibile e così i prezzi si sono impennati.  

Il deficit di bilancio per il 2013 è un altro problema che richiede l’attenzione immediata. Secondo  Fischer «il tasso di spesa rallenterà. Nulla sarà tolto, ma alcune promesse di aumento degli stipendi e simili non saranno mantenute». «Gli aggiustamenti di bilancio – sostiene Fitch – dovranno avvenire indipendentemente da chi Benjamin Netanyahu sceglie di collaborare nel governo».

Meno fiducioso, il numero uno della Banca d’Israele, per quanto riguarda il paese a lungo termine e il futuro economico sono infatti troppi gli israeliani che non lavorano. Negli ultimi 30 anni, la popolazione Haredi è aumentato vertiginosamente, raddoppiando la sua quota relativa della popolazione di Israele (dal 4% del 1980 al 10% oggi), la popolazione araba è cresciuta pure, ma molto più lentamente (dal 16% nel 1980 al 20% attuale). I due gruppi sono responsabili della maggior parte della povertà in Israele, soprattutto perché sono famiglie monoreddito, il 60% degli uomini Haredi non lavorano, mentre l’80% delle donne arabe rimanere a casa. E le donne e gli uomini Haredi arabi che lavorano tendono a guadagnare meno degli altri gruppi. Inoltre, sia gli haredim e gli arabi hanno più figli, in media, rispetto alla maggior parte degli israeliani, così anche le famiglie in cui vi è un reddito dignitoso possono trovarsi vicino alla soglia di povertà. Non solo secondo Fischer «Analizzando le tendenze di crescita, gli haredim saranno il 26% della popolazione nei prossimi 50 anni, e gli arabi israeliani saranno 24%». Quasi la metà delle famiglie in entrambi i settori sono al di sotto della soglia di povertà. «Economicamente questo proprio non funziona, e non può continuare», ha ribadito Fischer.

«La soluzione, ha continuato il numero uno ella Banca d’Israele a mio avviso, verrà dal di dentro e al di fuori delle comunità. Credo che i risultati delle recenti elezioni mostrano come gli israeliani vogliano cambiare questo», ha detto Fischer, alludendo alla nascita di Yesh Atid, uno dei cui assi centrali del partito sta richiedendo haredim a servire nella IDF.