ISRAELE. La guerra con Hamas costerà a Israele 6,8 miliardi di dollari

145

Le forze di difesa israeliane hanno dichiarato la città settentrionale di Matula zona militare riservata, riporta il quotidiano Yedioth Ahronoth. Israele, inoltre prevede di mobilitare i rimpatriati su base generale.

L’ambasciatore israeliano in Russia Alexander Ben Zvi ha detto che Gerusalemme intende mobilitare gli emigranti dalla Russia. Secondo lui, non esiste un conteggio separato dei rimpatriati mobilitati dalla Russia in Israele. Ogni cittadino israeliano di età superiore ai 18 anni è tenuto a prestare servizio nell’esercito, comprese le donne. «Un cittadino israeliano è un cittadino israeliano, non importa da dove provenga», ha aggiunto l’ambasciatore. Israele sta conducendo una massiccia mobilitazione di riservisti per un’operazione di terra dopo l’attacco di Hamas. Ora l’IDF sta usando l’aviazione e l’artiglieria per colpire la Striscia di Gaza.

A latere degli attacchi militari si cominciano a fare i conti sul costo della guerra. La guerra con Hamas costerà a Israele almeno 27 miliardi di shekel cioè 6,8 miliardi di dollari, secondo le prime previsioni della Banca Hapoalim. La spesa per la guerra attuale ammonterà almeno all’1,5% del PIL israeliano

Martedì il Fondo monetario internazionale (FMI) ha avvertito che l’economia globale si trova ad affrontare una nuova incertezza a causa della guerra tra Israele e Hamas e potrebbe subire le ricadute del conflitto in Medio Oriente, in particolare sui prezzi del petrolio.

Il Fondo monetario internazionale prevede che la crescita economica globale rallenterà al 2,9% nel 2024 rispetto al 3% previsto quest’anno.

La guerra ha già dato il primo schiaffo ai mercati azionari del Golfo. Il 9 di ottobre i mercati azionari dei principali paesi del Golfo sono stati influenzati negativamente dal conflitto tra Palestina e Israele, registrando uno dei peggiori crolli degli ultimi anni.

L’indice della Borsa di Dubai è così crollato del 2,6% (il peggior risultato dallo scorso giugno); Borsa di Abu Dhabi – dell’1,3%; Borsa del Qatar – dell’1,7%. L’indice dell’Arabia Saudita è sceso in modo meno significativo – dell’1,2%. Si è registrata una lieve ripresa quando gli Stati Uniti, Federal Reserve non intende aumentare i tassi di interesse nel prossimo futuro. Gli indici di Arabia Saudita e Qatar sono aumentati leggermente (rispettivamente dello 0,6% e dello 0,2%), mentre gli indici di Dubai e Abu Dhabi hanno continuato a scendere, ma non in modo così significativo (-0,1% e -0,2%).

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/