ISRAELE. IDF vorrebbe gli F22

137

Secondo la legge federale statunitense, il Lockheed Martin F-22 Raptor, non può essere esportato a nessuno, per proteggere la sua tecnologia stealth e le numerose caratteristiche classificate. Al di là degli Usa, gli altri sono costretti ad acquistare i progetti precedenti come l’F-15 Eagle e l’F-16 Fighting Falcon o il più recente F-35 Lightning II, che contiene la tecnologia dell’F-22 ma è stato progettato per essere più economico, più flessibile e disponibile per l’esportazione.

L’F-22 Raptor, aereo da combattimento tattico stealth monoposto, bimotore, per tutte le condizioni atmosferiche, sviluppato per l’Usaf, è un aereo da guerra di quinta generazione, considerato il miglior caccia del mondo.

Stando ad Haaretz, Netanyahu avrebbe nascosto alla Difesa israeliana l’intenzione di approvare la vendita degli F-35 agli Emirati Arabi Uniti. L’establishment della Difesa in via ufficiosa, riporta JewishPress, avrebbe detto che Israele si era avvicinato al Pentagono chiedendo di riesaminare la possibilità di rimuovere gli ostacoli alla vendita degli aerei all’Aeronautica Militare israeliana, per preservare la superiorità dell’Idf in volo.

Nel settembre 2006, il Congresso ha sostenuto il divieto di vendita all’estero degli F-22. Tuttavia, nonostante questo divieto, il disegno di legge del 2010 sull’autorizzazione della difesa includeva disposizioni che richiedevano al Dipartimento della Difesa di preparare un rapporto sui costi e sulla fattibilità di una variante di esportazione dell’F-22 e un altro rapporto sugli effetti delle vendite all’esportazione dell’F-22 sull’industria aerospaziale statunitense.

Per inciso, il costo di un Raptor per l’Usaf è di 150 milioni di dollari. Non c’è nessuna idea di quanto Israele dovrebbe pagare, probabilmente sui 3,8 miliardi di dollari annui di aiuti militari. Per dare un’idea, il costo dell’USAF degli F-35 è approssimativamente tra gli 80 e i 95 milioni di dollari per unità, ma i clienti stranieri pagano tra i 175 e i 200 milioni di dollari per unità.

Secondo gli alti funzionari israeliani, se l’establishment della difesa avesse saputo che gli Usa erano in trattative con Israele e gli Emirati Arabi Uniti per la normalizzazione, avrebbe colto l’occasione e negoziato per gli F-22 come modifica del precedente pacchetto di aiuti che dovrebbe terminare nel 2028, o un nuovo e migliore accordo. L’establishment della difesa israeliana ritiene che l’acquisto del caccia più avanzato del mondo sarebbe la chiave per mantenere la superiorità tecnologica dell’Idf nella regione.

Tommaso Dal Passo