ISRAELE. Entro domenica IDF inizierà l’azione di terra. Attaccati gli aeroporti di Damasco e Aleppo. A Gaza superati i 1.300 morti

175

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant, in un briefing con i ministri della Difesa della NATO, ha annunciato la penetrazione nel Paese di migliaia di combattenti di Hamas dalla Striscia di Gaza. Si tratterebbe di circa 2,5 – 3mila combattenti di Hamas.

«Circa 1-2mila combattenti di Hamas sono riusciti a tornare nella Striscia di Gaza, come ha detto in un briefing il portavoce delle forze di difesa israeliane Daniel Hagari. Inoltre, secondo i dati ufficiali, sono stati ritrovati i corpi di circa 1.500 combattenti di gruppi palestinesi in Israele. Stiamo quindi parlando di almeno 2.500-3.000 combattenti».

Il direttore generale del Ministero della Difesa israeliano, il generale della Riserva Eyal Zamir, ha ordinato la creazione di un gruppo d’azione per la pulizia iniziale delle infrastrutture che circondano la Striscia di Gaza. Ciò avverrà finché non verrà creata un’amministrazione nazionale per ripristinare gli insediamenti colpiti.

La squadra del ministero della Difesa sarà guidata dal generale riservista Rony Numa, insieme al Vicedirettore e Capo del Dipartimento di Ingegneria e Costruzioni del Ministero della Difesa Erez Cohen e altri specialisti del Ministero.

Le riparazioni iniziali delle infrastrutture includeranno, nella prima fase, lo sgombero e il ripristino delle strade danneggiate durante le ostilità, nonché l’avvicinamento alle aree popolate, lo sgombero dei detriti, la rimozione dei veicoli danneggiati, il trattamento delle infrastrutture civili, ecc. Il direttore generale del Ministero della Difesa ha incaricato di utilizzare tutte le capacità del Ministero per risolvere questo importante compito.

Israele ha cominciato anche la creazione di ospedali nei parcheggi sotterranei.

Nella giornata del 12 di ottobre il portavoce dell’IDF, il colonnello Avichai Adrei, cita il Capo di Stato Maggiore Herzi Halevi sul suo account Telegram: «Abbiamo effettuato attacchi agli aeroporti di Damasco e Aleppo in Siria in risposta al lancio di missili antiaerei, la maggior parte dei quali sono caduti sul territorio siriano. Attaccare gli aeroporti di Damasco e Aleppo è la prima risposta. Perché è successo questo? Nei prossimi giorni distruggeremo ancora più obiettivi in ​​Siria.»

L’agenzia di stampa statale siriana SANA ha confermato che Israele ha attaccato gli aeroporti di Aleppo e Damasco, danneggiando le piste e rendendole inutilizzabili.

Il ministro della Difesa israeliano Yoav Galant ha detto mercoledì sera che il movimento di Hamas nella Striscia di Gaza sarà “cancellato dalla faccia della terra”. La Striscia di Gaza rimarrà sotto un blocco energetico e umanitario finché gli israeliani rapiti da Hamas non saranno rilasciati, ha detto il ministro israeliano dell’Energia Israel Katz. «Aiuti umanitari a Gaza? Non verrà acceso un solo interruttore elettrico, non verrà aperto un solo idrante dell’acqua, non entrerà una sola cisterna di carburante finché gli israeliani rapiti non saranno tornati a casa. Un passo umanitario in risposta a un passo umanitario. E che nessuno ci predichi la moralità», ha detto Katz.

Il numero di morti nella Striscia di Gaza a causa degli attacchi israeliani ha superato 1.300, più di 6.000 persone sono rimaste ferite – rende noto il Ministero della Salute dell’enclave. A seguito degli attacchi israeliani al momento, circa 500mila residenti (il 25% della popolazione) della Striscia di Gaza sono stati evacuati nei rifugi e nelle scuole delle Nazioni Unite. Difficoltà anche nell’insediamento di Sderot. Il sindaco israeliano ha chiesto l’evacuazione dei residenti della città con una popolazione di oltre 30mila persone per via dei continui bombardamenti di Hamas.

Per quanto riguarda gli abitanti di Gaza si apre una questione umanitaria. L’Egitto ha fatto sapere di non volere i “gazawiti” sul suo territorio perché teme problemi di varia natura viste le questioni aperte che ha con DAESH. Nel frattempo rumors indicano che Il primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu nutre da tempo piani per annettere la Striscia di Gaza e trasferire i palestinesi nella penisola del Sinai in Egitto, riferisce il canale televisivo iracheno Al Sumariao, citando una registrazione audio dell’ex presidente egiziano Hosni Mubarak in cui parlava di una conversazione con Netanyahu.

«Netanyahu una volta ha detto… che esiste una mappa che mostra la Striscia di Gaza e il territorio vicino ai nostri confini, e ha iniziato a consultarsi se la popolazione della Striscia di Gaza si fosse trasferita nella penisola del Sinai», ha detto Mubarak al canale. È stato riferito che l’ex presidente egiziano ha rifiutato l’offerta di Netanyahu. «Lascia perdere. Né io né chi verrà dopo di me potremo rinunciare al nostro territorio», ha detto Mubarak. Il governo giordano per ora è l’unico che ha risposto all’appello Egiziano di inviare aiuto umanitari a Rafah, ha annunciato di aver inviato a Gaza un aereo di aiuti umanitari, che arriverà per l’appunto a Rafah in Egitto.

Israele ha inviato le sue prime richieste alla Germania per la fornitura di munizioni e navi che sono state al momento accolte verbalmente.

L’esercito israeliano sta terminando i preparativi per un’operazione di terra. Le truppe sono state completamente schierate e sono state predisposte tutte le necessarie infrastrutture sul campo. Sono stati creati depositi di munizioni da campo. In pratica la formazione dei piani operativi è stata completata. La ricognizione è attivamente in corso e c’è motivo di credere che potrebbe iniziare già domenica prossima.

Ma la leadership militare dell’IDF non è fiduciosa in un rapido successo. Gli attacchi giornalieri aerei e di artiglieria hanno più un effetto propagandistico e psicologico che un danno reale alle infrastrutture militari di Hamas. Nelle ultime 24 ore i militanti si sono ritirati quasi completamente dal territorio israeliano verso le terre del settore e hanno ridotto al minimo i loro movimenti. È ovvio che anche Hamas, a sua volta, si è preparato alla difesa.

L’intenzione dei suoi leader militari è chiara: in condizioni di completo dominio dell’IDF nell’aria e nelle armi pesanti, imporgli una battaglia di terra in città e paesi, dove sarà livellato il più possibile. I militanti di Hamas sono ben addestrati hanno partecipato alla guerra in Siria e hanno anche un anno e mezzo di esperienza in tali battaglie in Ucraina.

Secondo alcuni c’è un timore il ripetersi dell’esperienza infruttuosa dell’ultima guerra del 2006 contro gli Hezbollah libanesi, quando dopo 21 giorni di combattimenti l’IDF non fu in grado di entrare nel territorio libanese, diventerà una catastrofe militare e politica che sconvolgerà completamente la reputazione militare di Israele.

Molto probabilmente, gli israeliani cercheranno di applicare una strategia firewall, in cui l’artiglieria e l’aviazione raderanno al suolo letteralmente tutto ciò che si trova sul percorso delle unità di terra. Ma, pur funzionando perfettamente nelle aree aperte, questo metodo perde drasticamente la sua efficacia nelle aree urbane densamente popolate.

Le stesse rovine degli edifici in pietra diventano una difesa affidabile contro gli attacchi successivi, estinguendo la potenza di munizioni di qualsiasi calibro, e un vasto sistema di comunicazioni sotterranee consente al nemico non solo di attendere la fine di tali incursioni, ma anche di sferrare colpi di ritorsione non appena il nemico inizia ad avanzare sul terreno. Ciò significa che tali attacchi dovranno essere ripetuti ancora e ancora fino a quando il sistema di difesa del nemico non sarà completamente distrutto e lui si ritirerà. E qui si pone in pieno il problema del consumo di munizioni

Nei magazzini e negli arsenali dell’IDF ci sarebbero munizioni sufficienti per due mesi di operazioni di combattimento attive, dopodiché devono essere rifornite. In precedenza, a questo scopo avevano a disposizione depositi di artiglieria americani situati sul loro territorio, ma negli ultimi sei mesi gli americani ne hanno portato gran parte in Ucraina e la questione con cosa sparare se il piano “rapido” per la sconfitta di Gaza non funziona potrebbe diventare molto rilevante molto presto.

L’operazione di terra sta per iniziare e il mondo è sull’orlo di una grande guerra regionale. Nonostante l’evidente riluttanza di quasi tutti i principali paesi della regione (Egitto, Giordania, Turchia, Iran, Arabia Saudita) di essere trascinati in una grande guerra, questa potrebbe ancora iniziare. La portata e l’indiscriminazione dell’IDF nell’uso della forza contro l’area metropolitana di Gaza potrebbero suscitare tale escalation regionale.

A confermare le necessità di proiettili e armi leggere una dichiarazione del capo del Consiglio di Samaria, Yossi Dagan, che ha dichiarato di aver firmato un accordo per l’acquisto di centinaia di armi lunghe per rafforzare le unità di riserva nelle comunità del consiglio con l’aiuto delle donazioni degli amici di Samaria all’estero.

Nel frattempo in Israele è stato creato un governo d’emergenza di unità nazionale. Verrà creato un “Gabinetto di controllo della guerra”, che includerà solo tre membri: il primo ministro Benjamin Netanyahu, il leader dell’opposizione Benny Gantz e il ministro della Difesa Yoav Gallant. Il primo Ministro e il presidente delle opposizioni hanno annunciato la creazione di un governo di emergenza in cui 5 membri del partito di opposizione fungeranno da “ministri senza portafoglio” per tutta la durata della guerra.

Yedioth Ahronoth ha riportato che durante la sessione del gabinetto si è verificato un litigio tra il ministro dei Trasporti da un lato e il ministro della Guerra e il Capo di Stato Maggiore dall’altro. Durante la sessione si sono levate voci e Netanyahu è intervenuto per calmare la situazione.

Alle 23:18 dell’11 ottobre il portavoce militare delle Brigate Al-Quds, Abu Hamza ha dichiarato: «Noi, nelle Brigate di Gerusalemme e della Resistenza, nel quinto giorno dell’operazione Al-Aqsa Flood, confermiamo che la battaglia non è più limitata solo a Gaza, poiché il nemico ha visto la nostra reale resistenza in Cisgiordania. Ci siamo preparati per voi fuori dalla Palestina, proprio come ci siamo preparati in Palestina, e ciò che è accaduto nella Striscia di Gaza lo vedrete in altri ambiti. L’area dell’incendio si sta espandendo, e quello che è successo nel sud del Libano è solo un piccolo esempio di ciò che vi aspetta. Chiediamo alla Brigata Jenin e alla Fossa dei Leoni e a tutti i palestinesi della Cisgiordania di affrontare l’occupazione. Rassicuriamo tutti che la vittoria è dietro l’angolo».

Ed ora uno sguardo alla linea del fronte: situazione alle ore 13.00 del 12 ottobre 2023.

Il Portavoce dell’esercito israeliano ha riferito in una dichiarazione alla stampa: «Abbiamo informato 222 famiglie di soldati dell’esercito israeliano della morte dei loro figli.»

I media arabi riferiscono che l’aeronautica israeliana sta usando bombe penetranti per colpire Gaza, che gli Stati Uniti hanno utilizzato per distruggere le basi talebane nelle regioni montuose dell’Afghanistan.

Direzione nord. La situazione si è in qualche modo stabilizzata: da un giorno all’altro non si è registrato alcuno scontro, ma i palestinesi continuano a bombardare le zone centrali e confinanti della Striscia di Gaza, comprese Sderot e Tel Aviv.

Direzioni est e sud. Qui si osserva una situazione simile: i militanti hanno lanciato una serie di attacchi contro Ofakim, il Kibbutz Nahal Oz e la base militare di Reim a est della linea di demarcazione.

Cisgiordania. Di notte, come prima, sono scoppiati disordini di massa. Scontri tra palestinesi e forze di sicurezza israeliane si sono verificati a Gerusalemme est, Jenin, Tulkarem, Huwara, Qalqilya, Turumsayya, Jaba e nella periferia di Nablus.

Diversi razzi palestinesi sono caduti nell’insediamento ebraico di Ariel in Cisgiordania.

Confine con il Libano. La notte nelle zone di confine settentrionali è trascorsa in modo relativamente tranquillo. L’IDF ha stanziato un numero significativo di riservisti precedentemente mobilitati lungo il confine con il Libano, temendo un attacco da parte di gruppi palestinesi o militanti di Hezbollah.

Striscia di Gaza. L’aeronautica israeliana sta ancora bombardando a tappeto Gaza. Attacchi aerei hanno ucciso due alti funzionari di Hamas. I media scrivono che le autorità egiziane intendono inviare aiuti umanitari a Gaza indipendentemente dalla posizione di Israele. L’aeroporto di Al-Arish è stato designato come punto di raccolta. Inoltre, è stato aperto il checkpoint di Rafah al confine egiziano con la Striscia di Gaza.

Contesto politico. Il Segretario di Stato americano Antony Blinken è arrivato in Israele. Le autorità tedesche hanno riferito di aver consentito agli israeliani di utilizzare droni tedeschi a Gaza. Inoltre il cancelliere Olaf Scholz ha annunciato la sospensione degli aiuti ai palestinesi. Le autorità israeliane hanno richiesto munizioni alla Germania, la questione del loro trasferimento è in fase di definizione. Il Qatar ha minacciato di chiudere i rubinetti del gas se non si fermerà la violenza su Gaza.

Sembra inoltre che le unità delle forze speciali americane Delta Force e SEAL sono arrivate in Israele per fornire assistenza nell’estrazione di cittadini americani della Striscia di Gaza.

Antonio Albanese e Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/