Cisgiordania: 50% di israeliani

121

ISRAELE – Cisgiordania. 17/05/14. Il numero di coloni ebrei nella Cisgiordania occupata da Israele potrebbe crescere fino al 50 per cento entro il 2019.

A dirlo, ieri, il ministro per le costruzioni, l’ultra- nazionalista israeliano, Uri Ariel. I palestinesi ritengono che la Cisgiordania sia una parte del loro futuro stato e incolpato di espansione gli israeliani.  Lo hanno fatto anche lo scorso mese nei colloqui di pace mediati dagli Usa. La posizione è stata respinta da Israele. Fonte Reuters. Il ministro per l’Edilizia e la casa, Uri Ariel, un membro del partito ultranazionalista “Casa ebraica” che è  nella coalizione di governo, del conservatore, Benjamin Netanyahu, ha detto che i negoziati su uno stato palestinese sono una “preda morente”. «Penso che in cinque anni ci saranno 550.000 o 600.000 ebrei in Giudea e Samaria , anziché 400.000 [oggi ]», ha detto radio Tel Aviv 102 FM, utilizzando un termine biblico per la Cisgiordania, che molti israeliani vedono israeliana, intendendola loro per diritto di nascita religiosa e baluardo della sicurezza. Ma la maggior parte delle potenze mondiali considerano gli insediamenti israeliani illegali, si legge su Trend.

Ariel ha messo il numero di israeliani a Gerusalemme Est compresa tra 300.000 e 350.000. Circa 2,5 milioni di palestinesi vivono in Cisgiordania e a Gerusalemme Est, aree che, insieme con la Striscia di Gaza, Israele ha occupato nel 1967.

Durante i nove mesi di processo di pace, Ariel ha pubblicato una gara per la costruzione degli insediamenti, uno dei motivi per cui si è bloccato il processo di pace.