ISRAELE. Armi USA agli Emirati. Ecco la posizione di Tel Aviv

32

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha approvato privatamente il piano degli Stati Uniti di vendere agli Emirati Arabi Uniti jet da combattimento F-35, nonostante si sia pubblicamente dichiarato contrario all’accordo sulla vendita.

Jerusalem Post e New York Times riportano che Netanyahu ha appoggiato il piano dell’amministrazione Trump di vendere gli F-35 agli Emirati Arabi Uniti, scegliendo di non bloccare l’accordo. Questo dopo che Netanyahu ha negato categoricamente l’autorizzazione alla vendita, secondo Haaretz. L’ufficio del Primo Ministro ha risposto al Nyt dicendo: «Ripetere una falsa accusa contro il Primo Ministro Netanyahu non la rende vera (…) In nessun momento dei colloqui con gli Stati Uniti che hanno portato alla svolta storica con gli Emirati Arabi Uniti il 13 agosto, il primo Ministro ha mai dato il consenso di Israele alla vendita di armi avanzate agli Emirati».

Il Likud ha detto che «è difficile per la sinistra accettare che il primo ministro Netanyahu abbia abolito il concetto di “territori per la pace” e abbia portato per la prima volta “pace per la pace”, quindi stanno conducendo una falsa campagna di notizie contro di lui (…) È sorprendente scoprire che dietro questa falsa campagna ci sono le stesse persone che hanno sostenuto il pericoloso accordo nucleare con l’Iran e lo sradicamento degli insediamenti in Giudea e Samaria – concessioni che avrebbero sacrificato la sicurezza di Israele e che il primo ministro Netanyahu si è opposto con veemenza», ha detto il Likud.

Due settimane fa, Netanyahu ha detto che l’accordo Israele-Emirati Arabi Uniti non includeva l’assenso di Israele sull’accordo F-35 Usa-Uae. Oltre agli F-35, l’accordo sulle armi include la vendita di droni Reaper. L’accordo include anche la vendita di aerei da guerra elettronici con capacità di disturbo della difesa aerea, una parte del pacchetto non segnalata in precedenza, secondo il New York Times.

Tommaso dal Passo