Ampio sequestro di armi in Giudea e Samaria

69

ISRAELE – Gerusalemme 24/08/2016. Il Idf ha condotto una operazione in Giudea e Samaria contro impianti di produzione di armi illegali.

Queste fabbriche sono state usate da terroristi che hanno attaccato obiettivi israeliani in questi settori. Nel corso della notte del 23 agosto, un’operazione congiunta delle brigate della Giudea e Samaria, dello Shin Bet, e delle forze di polizia è stato lanciata contro le infrastrutture di produzione e distribuzione di armi nella zona di Betlemme e Hebron, riporta Arutz Sheva7. Si è trattato dell’azione più ampia presa contro la produzione e la distribuzione di armi dallo scorso anno e ha portato alla confisca di grandi quantità di armi e all’arresto dei loro distributori. Le armi venivano contrabbandate in molti luoghi tra cui la Giordania. Il Idf ha chiuso rapidamente il cerchio sull’organizzazione composta da arabi. Decine di indagini sugli attacchi in Giudea e Samaria nel corso degli ultimi anni hanno portato alla collusione, prosegue l’emittente, che le armi non sono state acquistate per l’attacco in sé e per sé, ma sono stat usate più volte. Attraverso una vasta operazione di intelligence sono stati trovati una trentina di impianti di produzione di armi. Nel corso dell’operazione sette fabbriche che produceva centinaia di armi che erano già state distribuite sono state localizzate e chiuse, portando al sequestro di un ampio arsenale di parti di ricambio.
L’operazione che è durata per alcune ore è stata caratterizzata anche da una serie di proteste; durante i sequestri, due arabi che possedevano grandi impianti sono stati arrestati per ulteriori indagini.