ISRAELE. Anche Gantz sembra destinato allo stallo

116

Prima che fosse ufficialmente incaricato di formare un governo, il leader di Kahol Lavan (Blu e Bianco) Benny Gantz ha esaminato la possibilità di tentare di formare una coalizione di minoranza che includesse partiti laburisti, ultra-ortodossi e Nuova Destra, ha riportato Channel 12 il 26 ottobre. Kahol Lavan spera anche nell’appoggio esterno del partito Yisrael Beytenu di Avigdor Liberman. Il tentativo di Blu e Bianco è stato respinto, secondo il canale televisivo. 

Subito dopo aver ricevuto il mandato di formare un governo dal presidente Reuven Rivlin, Gantz ha iniziato a parlare con i leader di partito e li ha invitati a incontrarsi per negoziare il loro potenziale ingresso nella coalizione guidata da Kahol Lavan che spera di stabilire, e allo stesso tempo ha organizzato incontri tra il team negoziale del suo partito e le controparti di altri partiti. Channel 12 ha nei giorni successivi riportato che uno degli “accordi di compromesso” che Kahol Lavan potrebbe proporre al Likud costringerebbe Benjamin Netanyahu a scegliere tra l’inclusione dei suoi alleati religiosi nella coalizione, e l’essere il primo Ministro in qualsiasi accordo.

Il Likud ha sottolineato che Netanyahu sta negoziando a nome del blocco di 55 membri di destra e dei partiti religiosi a lui vicini, senza i quali non entrerà in una coalizione. Il partito di Gantz ha precedentemente respinto del tutto questa posizione negoziale: il partito di Gantz intendeva «mostrare il vero volto» di Netanyahu e costringerlo a rivelare «se vuole davvero l’unità o le elezioni ad ogni costo».

Ganz si sarebbe detto deluso dalla condotta di Netanyahu: «Si aspettavano che ci fossero dei leader di partito nel blocco di destra che accettassero di incontrarli indipendentemente», ma tutti hanno dichiarato fedeltà a Netanyahu e hanno detto che li rappresenta nelle trattative. Benny Gantz, come Netanyahu che ha fallito prima di lui, ha 28 giorni per cercare di formare un governo, anche se appare probabile che il primo Ministro designato non avrà successo. Con la nomina di Gantz, Netanyahu, per la prima volta nei suoi 10 anni di governo consecutivo come premier, si è visto levare dalle mani il controllo esclusivo sul sistema politico di Israele, riporta Times of Israel.

Gantz è a capo di un blocco di 54 parlamentari di centro, sinistra e partiti arabi Se Gantz non riuscisse a mettere insieme una coalizione durante la sua finestra di 28 giorni, che termina il 20 novembre, la maggioranza dei legislatori della Knesset, composta da 120 membri, potrebbe cercare di appoggiare qualsiasi membro della Knesset, compresi Netanyahu e Gantz, come primo Ministro. Se ciò non riuscisse, Gerusalemme sarebbe costretta ad entrare nello scenario mai visto di una terza elezione in meno di un anno.

Tommaso dal Passo