Il 92% dei sauditi ritiene ISIS conforme all’Islam

53

ARABIA SAUDITA – Riad. 26/08/14. La testata jihadwatch.org, ha pubblicato un interessante sondaggio secondo cui, il 92% degli abbinati dell’Arabia Saudita sarebbero favorevoli a ISIS.

Il «92% dei sauditi ritengono che ‘IS (IS) è conforme ai valori dell’Islam e della legge islamica». La statistica è stata fatta il 24 agosto, in Arabia Saudita per rilevare il livello di simpatia di ISIS. Va sottolineato che ISIS qualche giorno fa aveva dichiarato che avrebbe conquistato Riad, asserendo inoltre, che non vi avrebbe marciato, ma sarebbero stati i fratelli sauditi a fare quanto andava fatto.

La Campagna Sakina intende effettuare un’indagine scientifica per determinare la posizione del pubblico saudita sul “Califfato”, che ha annunciato lo Stato islamico (IS) in Iraq e Siria. Questo viene dopo i risultati di un sondaggio d’opinione di sauditi sono stati rilasciati su siti di social network, sostenendo che il 92% del gruppo target ritiene che il Califfato «È conforme ai valori dell’Islam e della legge islamica».

Gli osservatori ritengono che in questo momento è più importante «concentrarsi sulle radici dell’estremismo e di affrontarle». La campagna saudita Sakina prevede di condurre un sondaggio per determinare la misura in cui il pubblico saudita simpatizza con lo Stato islamico e la sua recente dichiarazione di un califfato. Jihadwatch.org cita la testa Al-Hayat.

Nel frattempo, le famiglie saudite hanno rifiutato di tenere riunioni di lutto per i loro figli che sono stati uccisi in luoghi al di fuori del regno mentre combattevano per la jihad. La “confusione” che è stata scatenata dalla recente espansione IS ‘ha visto la proliferazione di siti web in cui si vendono magliette che portano slogan che inneggiano alla jihad. Un Membro del Comitato consultivo lo sceicco Abdullah al-Suwailem si è rifiutato di classificare quelli affiliati con gruppi terroristici come “criminali”, sostenendo che la pressione li aveva condotti ad unirsi questi gruppi, in assenza di linee guida. 

Alcune delle famiglie delle vittime dell’Arabia Saudita hanno espresso la loro “gioia”, rifiutando di mostrare dolore per la morte dei loro figli. Predicatori e sceicchi considerano questa ideologia «la ragione di terrorismo», dicendo, «danneggia la reputazione della religione islamica». Essi hanno sottolineato che coloro che vanno in questi luoghi di conflitto violano le regole dell’autorità religiose, che devono essere seguite. Essi hanno quindi concluso che le loro morti non sono una forma di martirio, come le loro famiglie pensano. Ma le famiglie distribuiscono dolci e si rifiutano di piangere, mostrare tristezza o piangere, considerando quelli uccisi per essere martiri. 

Abdul Moneim al-Mushawwah, il direttore della Campagna Sakina, che opera sotto la supervisione del Ministero degli Affari Islamici, Dotazioni, Da’wah e orientamento in Arabia Saudita, ha detto ad Al-Hayat: «Nel prossimo periodo lavoreremo ad un sondaggio più approfondito, attraverso il quale possiamo determinare la misura in cui il pubblico saudita simpatizza con quello che è successo di recente in Iraq, vale a dire la dichiarazione del Califfato» e poi ha aggiunto: «Questa indagine sarà dedicata a un segmento specifico in un particolare momento, compreso tra uno e due mesi. Esso sarà supervisionato da un accademico e dovrà soddisfare le condizioni richieste».

In un contesto correlato, lo sceicco Abdullah al-Suwailem, un altro membro del comitato consultivo, ha rifiutato di classificare quelli affiliati con gruppi terroristici come IS e Jahbat al-Nusra come criminali. Suwailem ha detto ad Al-Hayat: «I giovani languono sotto varie pressioni, tra cui alcune che sono legittime e coraggiose. E l’eccesso e la pressione sono in realtà vissute dai giovani, con poco senso». E ancia ha dichiarato: «Non classifichiamo i giovani affiliati con questi gruppi come criminali. Se facciamo questo, accusandoli con i pregiudizi, ce li facciamo nostri avversari». «Dobbiamo affrontare discussioni con argomenti, prova con evidenza. [Dobbiamo] fornire ai nostri giovani una guida corretta, non criminalizzarli, in modo da non infiammare ulteriormente la questione», ha osservato. 

D’altra parte, magliette con frasi che chiedevano jihad e le foto che esaltano IS e correnti estremiste e chiedendo combattimenti sono stati promossi sui siti Internet e sulle pagine dei social media delle organizzazioni terroristiche. Il portavoce per le dogane saudite, Issa al-Issa, ha dichiarato: «L’importazione di abbigliamento richiede una registrazione commerciale che elenca l’attività di commercio di abbigliamento. Per quanto riguarda i controlli sulle importazioni di abbigliamento, [tutte le importazioni] devono essere conformi alle norme adottate. L’autorità doganale prende un campione e lo invia ai laboratori registrati di riferire sulla misura in cui esso è conforme alle specifiche. Un’altra condizione è che [l’abbigliamento] non ha frasi inappropriate o immagini che contraddicono la legge islamica».