Baghdad futura capitale del Califfato

60

IRAQ – Baghdad. 14/10/14. Fonti americane rivelano che l’aeroporto internazionale di Baghdad sta per cadere. Da questa mattina sui social network vengono postate foto di file interminabili per l’aeroporto di Baghdad in cui si dice che nella zona verde sono state chiusi glia cessi all’aeroporto. A quanto sembra gli Apache sono pronti a intervenire.

Nel frattempo lo “Stato islamico” attraverso i siti ufficiali e le loro pagine Internet di social networking, affermano che 13 mila combattenti ISIS sono arrivati alla cintura di Baghdad, e che questi combattenti provenivano da diverse aree della Siria e del’ Iraq, e sono il preludio della “Battaglia di Baghdad.” Secondo fonti non ufficiali ISIS sta per lanciare un attacco che durerà circa 36 ore continue. Da ieri è chiusa la zona Amiriyat Falluja, nei pressi di Baghdad, obiettivo fermare l’avanzata di ISIS, in attesa che arrivino i mezzi e i rifornimenti per arrestare l’attacco di IS.
Fonti dall’interno della capitale irachena, dicono che i funzionari civili chiedono al governo iracheno, se gli Stati Uniti interverranno per fermare l’avanzata di IS. Fonti della sicurezza e le forze parlamentari irachene di sicurezza sostengono che vi sarebbero volontari sciiti di “mobilitazione popolare”, con il compito di proteggere Baghdad.
Gli USA per voce del generale generale Martin Dempsey non hanno escluso che manderanno forze di terra per affrontare IS. Ma l’intervento a Mosul è da concordare e si farà solo se l’esercito iracheno sarà pronto a combattere IS.
Fonti informate hanno detto che l’attacco di IS al centro di Ramadi, e il controllo delle città di Hit e Abu Ghraib illustra le dimensioni delle sue capacità di attacco e presa delle città, mostrano la forze e la quantità di armi da fuoco utilizzate per penetrare nelle città fortificate. Fino ad ora i blocchi politici e fazioni armate sciite hanno categoricamente rifiutato le forze di terra straniere in Iraq, mentre il Consiglio Provinciale di Anbar, ha chiesto agli Stati Uniti di inviare truppe di terra a respingere IS che sta conquistando quartiere su quartiere la città. Secondo gli analisti della sicurezza IS sta conquistando Anbar per isolare le forze di posizionato per la capitale Baghdad, soprattutto costringe al ritiro l’Ottava Brigata dell’esercito iracheno, al fine di neutralizzare quelle forze e impedire loro di sostenere le truppe di stanza nella fascia di Baghdad, prima di lanciare quello che è diventato noto all’interno di IS, come la “Battaglia di Baghdad”, che diverrebbe così la capitale del Califfato.