IRAQ. Teheran “ruba” il petrolio iracheno e Baghdad non protesta

86

I media iracheni stanno denunciano una serie di operazioni iraniane tese ad impossessarsi del petrolio iracheno. Recentemente, riporta Yaquin Media, Ghulam Reza Manuahri, direttore della società Oec, che ha sviluppato il giacimento Azer al confine con l’Iraq, ha annunciato che 65 mila barili al giorno saranno estratti da un giacimento congiunto con l’Iraq. Il funzionario iraniano ha detto che il 97% dei lavori di sviluppo sono stati completati, per entrate stimate per l’iran pari a 15 miliardi di dollari entro 20 anni, oltre a 500 milioni di dollari dalla petrolchimica: «Il recente tentativo dell’Iran di estrarre quantità di petrolio dai giacimenti comuni senza consultare la parte irachena, ha riportato alla mente una serie di abusi simili che si sono verificati in periodi diversi del passato» afferma la testata irachena.

Tra le violazioni segnalate c’è il caso dei campi di al-Tayyib e Fakkah, a 84 km a nord-est della città di Amara, e parti del campo di Majnoon nel 2009, con un volume di produzione totale che si avvicina ai 250 mila barili al giorno, per un valore di oltre un miliardo di dollari al mese. Fakkah è un giacimento iracheno che ha iniziato a lavorare nel 1979, ma è stato classificato, insieme al giacimento Majnoon, come giacimenti in comune con l’Iran, oltre ai giacimenti di Abu Gharb, Bazerkan, Naft Khana e altri giacimenti iracheni che l’Iran sostiene siano condivisi tra i due paesi, ma l’attribuzione è controversa.

Alla fine di luglio 2020, il governo iracheno non ha commentato la dichiarazione del ministro del petrolio iraniano Bijan Zanganeh sulla difesa degli interessi iraniani, aumentando la produzione dai campi di Majnoon da 70 mila a 400 mila barili al giorno. Petropars ha firmato un contratto con l’Iranian Oil Engineering and Development Company per sviluppare un altro campo “congiunto”, sviluppato in un mese, portando la sua capacità di produzione a 320 mila barili al giorno. Le reazioni ufficiali irachene non sono andate oltre le dichiarazioni nei corridoi del parlamento che chiedevano al governo di risolvere la questione in modo da garantire i diritti dell’Iraq, ma nulla di ciò è accaduto sul terreno.

Un rapporto pubblicato dal Centro internazionale di studi per lo sviluppo ha stimato la dimensione delle perdite dell’Iraq create dall’Iran a 17 miliardi di dollari, che è equivalente a circa il 14% del totale delle entrate annuali. Il rapporto ha dichiarato che l’Iran sta prendendo circa 130 mila barili al giorno di petrolio iracheno dai campi petroliferi di Dahran, Shahr, Bider West e Aban, e che «il volume delle violazioni iraniane sui campi di Al-Tayyib e Fakkah e parti del campo Majnoon ammonta a quasi un quarto di milione di barili al giorno (…) questi campi che contengono riserve stimate a più di 100 miliardi di barili non sono tutti campi comuni perché una gran parte di essi sono completamente iracheni, e si trovano all’interno della fascia di confine irachena».

Il rapporto aggiunge che «l’Iran sta prosciugando questi campi unilateralmente nonostante l’esistenza di un accordo tra i due paesi per formare comitati congiunti per investirli (…) l’Iran ha completato tutti i preparativi per iniziare la produzione dal campo petrolifero Yadvaran nel sud-est dell’Iraq, dopo l’accordo con la compagnia cinese Sinopec». Questo «farà sì che l’Iraq non possa investire in questo campo, che contiene quasi 12 miliardi di barili di petrolio greggio e 12,5 trilioni di metri cubi di gas naturale associato al petrolio».

Altre quantità di petrolio vengono contrabbandate quotidianamente dall’Iraq. Secondo il rapporto del Centro internazionale di studi per lo sviluppo, circa 35 mila barili di petrolio vengono contrabbandati in Iran attraverso reti specializzate di contrabbando diffuse in varie zone di confine. E le milizie fedeli all’Iran supervisionano queste operazioni. Secondo Lloyd’s List Intelligence, 40 mila barili di petrolio iracheno e i suoi derivati vengono contrabbandati ogni giorno, e l’Iran ha trasportato 2,1 milioni di tonnellate di petrolio fino a gennaio 2020, che è il doppio della quantità contrabbandata nello stesso mese del 2019.

Graziella Giangiulio