Gasdotto Lukoil in Iraq

50

IRAQ – Baghdad 07/06/2014. La russa Lukoil ha detto che è sua intenzione ricomprendere la costruzione di un gasdotto nel suo contratto per il giacimento petrolifero di West Qurna-2, nell’Iraq. 

Il presidente della Lukoil, Vagit Alekperov, ha incontrato a Baghdad il ministro del petrolio iracheno, Abdul Kareem al-Luaibi, il 6 giugno, per firmare le revisioni del contratto.
L’addendum per i gasdotti Tuba-Fao prevede la costruzione di due linee lunghe 75 miglia e delle relative infrastrutture. Il sistema collegherà il giacimento di petrolio a un terminale di esportazione a Bassora, situata lungo la costa del Golfo Persico. «La costruzione di Tuba-Fao fornirà un collegamento diretto tra il campo di West Qurna-2 e il più grande terminale di esportazione del paese, creando opportunità di ulteriore crescita nella produzione», aveva detto Alekperov in un comunicato emanato il 5 giugno. Il petrolio è stato prodotto da West Qurna-2 per la prima volta a marzo 2014; da allora ha raggiunto una produzione giornaliera di 120mila barili e dispone di circa 34 miliardi di barili di riserve recuperabili. Inoltre, la Lukoil ha un accordo con il ministero dell’Industria iracheno per stimare le prospettive della costruzione di un impianto di gas associato al giacimento di petrolio.