IRAN. Warhol a Teheran

82

A Teheran, gli iraniani stanno affollando il museo di arte contemporanea per le iconiche lattine di zuppa di Andy Warhol. Il Museo d’Arte Contemporanea della capitale iraniana espone una fila tentacolare di 18 opere classiche di Warhol: ritratti serigrafici del leader fondatore della Cina comunista Mao Zedong e della star di Hollywood Marilyn Monroe, dipinti di lattine di Campbell Soup e una stampa vintage della ex first lady Jacqueline Kennedy. La mostra A Review of Andy Warhol’s Works, è stata inaugurata a giugno e chiude il 25 ottobre.

Le opere di Warhol fanno parte di una collezione d’arte permanente del valore di miliardi di dollari conservata nel caveau del museo di Teheran. Con il boom del petrolio durante il regno dello scià Mohammad Reza Pahlavi, il paese ha acquistato migliaia di pezzi, tra cui Monet, Picasso e Jackson Pollock, prima che la rivoluzione islamica del 1979 spodestasse la monarchia filo-occidentale e portasse al potere i chierici sciiti, riporta Ap.

La nuova teocrazia iraniana dapprima vietò l’arte moderna e mise via i famosi dipinti. Ma negli ultimi decenni, con l’allentamento delle restrizioni culturali, circa 1.500 pezzi d’arte occidentale dell’era dinastica sono tornati in mostra – con molto clamore. Nel 2015, il consiglio comunale di Teheran ha persino tappezzato i cartelloni pubblicitari della città con centinaia di opere di grandi pittori americani, da Rothko a Hopper, trasformando la città tentacolare in una gigantesca mostra a cielo aperto.

Tuttavia, un visitatore non troverà le opere più grintose di Warhol, come i suoi famigerati film sperimentali, in mostra a Teheran. Nel 2005, quando il museo ha esposto la sua intera collezione di capolavori americani ed europei del XX secolo, pezzi scelti – tra cui un nudo di Renoir – sono stati nascosti per evitare di offendere la sensibilità islamica conservatrice.

Il pubblico di Teheran è apparso comunque soddisfatto delle serigrafie di Warhol che hanno messo alla prova le ortodossie ritraendo temi consumistici nei primi anni ’60. «La gente ha accolto eccezionalmente la mostra dei dipinti di Andy Warhol», ha detto il portavoce del museo Hasan Noferesti, notando che la folla in mezzo alla pandemia di coronavirus ha richiesto al museo di limitare il numero di visitatori per ora.

Una volta chiusa questa mostra, Noferesti ha detto che il museo prevede di mettere presto in mostra altri Warhol e artisti occidentali. Anche se l’Iran non ha relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti e le ostilità sono ancora vive dal 1979, le copie dei blockbuster di Hollywood e la musica occidentale rimangono popolari nel paese, in particolare tra i giovani delle città.

Le tensioni con gli Stati Uniti sono aumentate negli ultimi mesi, poiché l’elezione del presidente Ebrahim Raisi, il protégé del leader supremo dell’Iran, ha portato al potere gli estremisti in ogni ramo del governo.

L’Iran ha accelerato il suo programma atomico e i colloqui per far rivivere l’accordo nucleare di Teheran con le potenze mondiali del 2015 sono in stallo da mesi. Tre anni fa, l’allora presidente Donald Trump ha rinnegato l’accordo e ha montato una campagna di pressione economica che ha paralizzato l’economia del paese.

Ma all’elegante mostra di Teheran, dalle pareti bianche, non si è parlato di tensioni politiche o di sanzioni americane, solo della bellezza dell’arte.

Lucia Giannini