IRAN. Teheran presenta Kheibar Shekan nuovo missile balistico

119

L’Iran ha presentato un nuovo missile di fabbricazione nazionale con una portata di 1.450 chilometri il 9 febbraio, un giorno dopo che Teheran e Washington hanno ripreso i colloqui indiretti per salvare l’accordo nucleare del 2015.

L’Iran, che ha uno dei più grandi programmi missilistici del Medio Oriente, dice che i suoi missili balistici hanno una portata fino a 2.000 km e sono in grado di raggiungere Israele e le basi statunitensi nella regione, riporta Reuters.

La TV di Stato ha mostrato il nuovo missile superficie-superficie “Kheibar Shekan”, che si riferisce a un’antica oasi ebraica chiamata Kheibar nella regione Hijaz della penisola araba che fu invasa dai guerrieri musulmani nel VII secolo: «Questo missile a lungo raggio è prodotto in casa dalle Guardie Rivoluzionarie (…) Ha un’alta precisione ed è spinto da carburante solido ed è in grado di penetrare gli scudi missilistici», hanno riferito i media statali iraniani.

Teheran considera il suo programma missilistico un importante deterrente contro gli Stati Uniti, Israele e altri avversari. Ha respinto le richieste occidentali di fermare il suo lavoro sui missili balistici. «L’Iran continuerà a portare avanti il suo programma di missili balistici», ha detto il Capo di Stato Maggiore delle forze armate iraniane, il generale Mohammad Bagheri, durante una cerimonia in una base dell’Irgc dove è stato mostrato il nuovo missile.

L’Arabia Saudita, musulmana e sunnita, rivale regionale dell’Iran a guida sciita, ha ripetutamente chiesto alle maggiori potenze di affrontare le preoccupazioni degli arabi del Golfo sui missili di Teheran. Israele, che la Repubblica islamica non riconosce, ha da tempo minacciato azioni militari contro l’Iran se i colloqui di Vienna non riuscissero a frenare il lavoro nucleare di Teheran. L’Iran dice che le sue ambizioni nucleari sono pacifiche.

Nel 2018, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato dall’accordo nucleare e ha reimposto le sanzioni nel tentativo di costringere Teheran a colloqui su un accordo più ampio che avrebbe anche affrontato il suo programma di missili balistici e il sostegno ai gruppi insorgenti in Medio Oriente. L’Iran ha risposto un anno dopo violando gradualmente i limiti del patto nucleare, ricostruendo le scorte di uranio arricchito, raffinandolo a una maggiore purezza fissile e installando centrifughe avanzate per accelerare la produzione.

I colloqui indiretti tra Teheran e Washington per rilanciare l’accordo sono iniziati dopo che Joe Biden ha sostituito Trump alla Casa Bianca, ma nonostante otto round da aprile le differenze rimangono tra l’Iran e le potenze mondiali.

Teheran e Washington si sono incolpati a vicenda per la mancanza di progressi.

Graziella Giangiulio