IRAN, Sì all’apertura con l’Arabia Saudita, no a Biden

41

Il nuovo presidente eletto dell’Iran Ebrahim Raisi è il primo eletto mentre è sotto sanzioni statunitensi.

Raisi per sua stessa dichiarazione on incontrerà Joe Biden. La Casa Bianca non ha risposto per ora alle dichiarazioni di Raisi. Il presidente eletto dell’Iran ha dichiarato alla Conferenza stampa che lo ha dichiarato vincitore nella competizione elettorale, che non avrebbe incontrato il presidente Joe Biden né negoziato sul programma di missili balistici di Teheran e il suo sostegno alle milizie regionali, attenendosi a una posizione di linea dura dopo la sua vittoria nelle elezioni della scorsa settimana.

Il capo della magistratura Ebrahim Raisi si è anche descritto come un “difensore dei diritti umani” quando gli è stato chiesto del suo coinvolgimento nell’esecuzione di massa di circa 5.000 persone nel 1988. È stata la prima volta che è stato messo in difficoltà in diretta televisiva su quel momento buio della storia iraniana alla fine della guerra Iran-Iraq.

A rafforzare la sua nuova veste di tutore dei diritti umani, la sua lunga negoziazione con l’Iraq per il rimpatrio dei prigionieri della guerra Iraq-Iran, ancora detenuti in Iraq con relativo scambio di prigionieri e anche di reliquie di militari.

Raisi prima di concorrere alla tornata elettorale come favorito in qualità di alta carica della magistratura si è recato in molti paesi per firmare accordi di scambio prigionieri e la possibilità di fare rogatorie sui crimini, soprattutto in materia di droga. Un problema di cui si parla poco ma che affligge sia l’Iraq che l’Iran.

«Gli Stati Uniti sono obbligati a togliere tutte le sanzioni oppressive contro l’Iran», ha detto Raisi alla conferenza stampa. Raisi si è seduto di fronte a un mare di microfoni, la maggior parte dall’Iran e dai paesi che ospitano le milizie sostenute da Teheran. Sembrava nervoso all’inizio dei suoi commenti, ma lentamente è diventato più a suo agio nel corso della conferenza stampa di un’ora.

Interrogato sul programma di missili balistici dell’Iran e sul suo sostegno alle milizie regionali, Raisi ha descritto le questioni come “non negoziabili”.

Su un possibile incontro con Biden, Raisi ha semplicemente risposto: “No”. Il suo concorrente moderato alle elezioni, Abdolnasser Hemmati, aveva suggerito durante la campagna elettorale che sarebbe stato potenzialmente disposto a incontrare Biden.

La vittoria di Raisi, un protégé della Guida Suprema dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei, è arrivata in mezzo alla più bassa affluenza nella storia della Repubblica Islamica. Milioni di iraniani sono rimasti a casa.

Di quelli che hanno votato, 3,7 milioni di persone hanno accidentalmente o intenzionalmente annullato le loro schede, ben oltre la quantità vista nelle precedenti elezioni e suggerendo che alcuni non volevano nessuno dei quattro candidati. Nei risultati ufficiali, Raisi ha vinto complessivamente 17,9 milioni di voti, quasi il 62% dei 28,9 milioni totali espressi.

La diplomazia intanto cerca di restare la corsa all’uranio dell’Iran: gli alti diplomatici delle nazioni coinvolte nei colloqui hanno detto che ulteriori progressi sono stati fatti domenica tra l’Iran e le potenze mondiali per cercare di ripristinare un accordo di riferimento del 2015 per contenere lo sviluppo nucleare iraniano che è stato abbandonato dall’amministrazione Trump. Hanno detto che ora spetta ai governi coinvolti nei negoziati prendere decisioni politiche.

La vittoria elettorale di Raisi ha sollevato preoccupazioni che potrebbe complicare un possibile ritorno all’accordo nucleare. Nelle sue osservazioni di lunedì, Raisi ha definito la riduzione delle sanzioni come “centrale per la nostra politica estera” e ha esortato gli Stati Uniti a “tornare e attuare i vostri impegni” nell’accordo.

Sull’Arabia Saudita, che ha recentemente iniziato colloqui segreti con l’Iran a Baghdad per ridurre le tensioni con l’Iran, Raisi ha detto che l’Iran non avrebbe “alcun problema” con una possibile riapertura dell’ambasciata saudita a Teheran e il «ripristino delle relazioni non affronta alcuna barriera». L’ambasciata è stata chiusa nel 2016 quando le relazioni si sono deteriorate.

Antonio Albanese