IRAN. La nuova base galleggiante dei Pasdaran a Hormuz

121

La Guardia Rivoluzionaria iraniana sta costruendo una seconda nave di supporto vicino allo Stretto di Hormuz, per espandere la propria presenza navale in acque strategiche per le forniture petrolifere internazionali e non solo. Stando a Ap e VoA, la costruzione della Shahid Mahdavi fornisce alla Guardia una grande base galleggiante da cui far partire le piccole e veloci imbarcazioni che costituiscono la sua flotta, progettata per contrastare la Marina statunitense e le altre forze alleate nella regione.

Il suo arrivo, tuttavia, arriva dopo una serie di battute d’arresto per la Guardia e la marina militare iraniana, tra cui la perdita della sua più grande nave da guerra meno di un anno prima. Con l’impantanamento dei negoziati sull’accordo nucleare dell’Iran con le potenze mondiali, il rischio di ulteriori scontri in mare tra Teheran e l’Occidente rimane elevato.

La Shahid Mahdavi sembra essere un riadattamento di una nave da carico iraniana nota come Sarvin, sulla base di precedenti immagini dell’imbarcazione, che ha anche una curva simile allo scafo. La Sarvin è arrivata al largo di Bandar Abbas lo scorso luglio, poi ha spento i suoi localizzatori. Il 29 gennaio, le foto satellitari di Planet Labs PBC mostravano la nave in un bacino di carenaggio presso la Shahid Darvishi Marine Industries, un’azienda del ministero della Difesa iraniano a ovest di Bandar Abbas.

La Shahid Mahdavi sembra avere armi antiaeree con equipaggio a prua e a poppa, dal ponte di comando della nave pende una bandiera della Guardia Rivoluzionaria.

Un’immagine Planet ad alta risoluzione scattata lo scorso sabato al bacino di carenaggio mostra la Shahid Mahdavi, di colore grigio metallizzato, ancora nel cantiere navale. Accanto ad essa, uno dei sottomarini d’attacco iraniani della classe Kilo, alimentati a diesel, in revisione. Secondo l’Istituto internazionale per gli studi strategici, l’Iran avrebbe un sottomarino classe Kilo operativo e un altro non funzionante.

Mentre l’immagine della Shahid Mahdavi circolava online, Fars ha pubblicato un articolo sulla nave, descrivendola come una “città navale mobile” in grado di «garantire la sicurezza delle linee commerciali iraniane, nonché i diritti dei marinai e dei pescatori iraniani in alto mare (…) Questa gamma di innovazioni di difesa e di combattimento per la costruzione di navi pesanti, in linea con lo sviluppo di massa di navi leggere, e l’equipaggiamento con vari array può mantenere l’autorità dell’Iran sul Golfo Persico e sul Golfo di Oman sempre di fronte ai nemici transregionali», ha detto Fars.

Tali basi galleggianti sono già state utilizzate in passato nella regione, in particolare dalla Marina statunitense durante la “guerra delle petroliere” degli anni ’80. Quando in quella guerra le mine iraniane esplosero contro i trasportatori di greggio, la Marina iniziò a scortare le navi fuori dal Golfo Persico attraverso la sua stretta imboccatura, lo Stretto di Hormuz. Ancora oggi lo stretto è attraversato da un quinto di tutto il petrolio commerciato. Durante il conflitto, le forze speciali statunitensi operavano da chiatte commerciali che fungevano da basi operative avanzate. La Marina lavora ancora oggi con questa idea: la 5a Flotta, che ha sede in Medio Oriente, ha ospitato la USS Lewis B. Puller, un’enorme nave progettata a partire da una petroliera che può ospitare truppe ed elicotteri d’attacco.

«La Shahid Mahdavi sembra che sarà configurata per essere una base di sosta avanzata a galla, per usare il termine della Marina statunitense», riporta il Center for Naval Analyses della Virginia; «Il Puller è stato parcheggiato per molti anni nel Golfo Persico e l’esercito iraniano ne ha constatato l’utilità come piattaforma per la guerra di spedizione e la proiezione di potenza».

La costruzione della Shahid Mahdavi probabilmente dà alla Guardia la possibilità di espandere la propria presenza in quelle acque un tempo pattugliate dalla marina.

Tommaso Dal Passo