IRAN. La fragilità del regime della Repubblica sciita

37

Dopo che il governo iraniano ha ammesso di aver abbattuto un aereo di linea civile ucraino, i video delle proteste antiregime a Teheran sono circolati nei media di tutto il mondo. Le ultime manifestazioni hanno seguito un’ondata nazionale di proteste avvenuta a novembre 2019, in cui sono stati uccisi , si ritiene, 1.500 manifestanti. Causa delle proteste sarebbe stata l’estrema insoddisfazione nei confronti del regime dovuta allo stress economico. Gli iraniani devono affrontare condizioni disperate a causa dell’effetto delle sanzioni economiche.

Il salario medio mensile al netto delle tasse dell’Iran è di 318,53 dollari, secondo Numbeo, ripreso da Asia Times.

Secondo i dati ufficiali, poi l’inflazione dei prezzi dei prodotti alimentari era del 28% su base annua a dicembre 2019.

Oltre agli alimentari, altro dato che ha fatto notizia è la mancanza di medicine. Alcuni articoli importati, per esempio l’insulina, non si trovano nelle farmacie di alcune province, secondo Irna. Il Rettore dell’Università di Isfahan ha detto che i farmaci importati, come quelli per la chemioterapia, scarseggiavano, ma che la maggior parte degli altri farmaci erano disponibili.

I controlli sulle importazioni per risparmiare valuta estera hanno messo le auto straniere al di fuori del raggio d’azione della maggior parte degli iraniani, ad esempio.  

La riduzione dei consumi ha avuto un impatto sulla vita familiare iraniana. Secondo il Teheran Times, il numero di bambini nati in Iran è diminuito di quasi il 25% tra il 2015 e il 2019. Questo calo a breve termine del numero assoluto di nascite è senza precedenti al di fuori del tempo di guerra. Il numero di donne iraniane in età fertile è aumentato leggermente nello stesso periodo, quindi il crollo del tasso di natalità riflette chiaramente la decisione di non avere figli.

L’Iran quindi si dovrebbe trovare ad affrontare una crisi demografica nei prossimi due decenni con l’invecchiamento della popolazione: ci sono cinque iraniani attivi che sostengono ogni iraniano di età superiore ai 65 anni, ma entro la metà del secolo il rapporto crollerà a solo 1,6 a uno. Stranamente, le autorità iraniane hanno segnalato un aumento del “tasso di fertilità totale”, ovvero il numero stimato di figli che la donna media partorirà durante la sua vita. L’aumento è evidentemente dovuto ad ipotesi ottimistiche sul futuro piuttosto che all’osservazione del comportamento presente.

A ciò si aggiungono gli effetti a lungo termine della cattiva gestione delle scarse risorse idriche del Paese. Il Journal of Asian Affairs riportate «circa il 97% del Paese vive condizioni di siccità. A causa della grave cattiva gestione dell’acqua e del suo impatto dannoso sul Paese, l’Iran si trova ad affrontare la peggiore situazione delle risorse idriche di qualsiasi nazione industrializzata». Migliaia di villaggi sono stati abbandonati e la maggior parte dei principali centri urbani ha superato i propri limiti per assorbire nuovi migranti rurali. Si prevede che in meno di 25 anni, 50 milioni di iraniani saranno sfollati a causa delle condizioni ecologiche.

L’unico confronto moderno oggi è con il Venezuela e la sua crisi.

Maddalena Ingroia