IRAN. Il PKK abbatte droni turchi con missili iraniani

67
Screenshot

I militanti curdi stanno abbattendo i droni turchi con munizioni “vaganti” iraniane. Almeno questa è la teoria suggerita da fonti social per l’abbattimento di aerei senza pilota portati dalla Turchia in Iraq come parte dell’inseguimento da parte di Ankara dei combattenti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan.

La rivista Middle East Eye ripresa da BneIntelliNews, a fine maggio, ha pubblicato dei video del Pkk che mostravano l’abbattimento di un drone armato turco, modello Aksungur.

Stando allo studio emerse dal video è molto probabile che il drone turco sia stato abbattuto con un missile 358 iraniano: ”Si tratta di un missile a propulsione a reazione. Vola molto lentamente e, poiché non è a propulsione a razzo, se fallisce, tenta di girarsi e colpire di nuovo il bersaglio”, ha detto uno degli esperti sentiti da Mee.

Il Pkk ha la sua principale roccaforte nei monti Qandil, che si trovano principalmente nel nord dell’Iraq ma si estendono fino all’Iran. I turchi affermano che alcuni dirigenti del Pkk sono sopravvissuti agli attacchi aerei turchi attraversando il lato iraniano per trovare rifugio. L’Iran ha negato di aver chiuso un occhio sui movimenti e sulle attività del Pkk, ma sembra che Teheran sia diventata sempre più collaborativa con il gruppo, designato come “terrorista” da Turchia, Ue e Stati Uniti.

Lo scorso maggio, il ministro della Difesa turco, Yasar Guler, ha dichiarato che l’Iran non collaborava con Ankara nella lotta contro il Pkk: “Purtroppo i nostri amici iraniani non considerano i terroristi del Pkk nello stesso modo in cui li consideriamo noi”, ha detto Guler. “Noi gli diciamo: ‘Guarda, fratello, il Pkk è qui, in quella casa, questo è l’indirizzo dove alloggiano’, e dopo un po’ arriva la risposta: ‘Abbiamo fatto delle ricerche su quell’indirizzo, ma non c’è quella persona a quell’indirizzo’. Naturalmente tutto ciò non è accettabile”, ha poi aggiunto Guler.

Resta ancora un mistero dove il Pkk possa a “trovato” i 358 iraniani e se lo abbai veramente ricevuto. Altre fonti irachene, sempre di Mee, affermano che l’Iran ha fornito il sistema 358 in parti, che il Pkk ha poi assemblato. I 358 forniti dall’Iran si trovano negli arsenali degli Houthi nello Yemen, di Hamas a Gaza e di Hezbollah in Libano, così come sono mele dotazioni delle milizie iraniane in Iraq.

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/