IRAN. Gli USA potrebbero rientrare nel JCPOA, se Trump perde le elezioni

76

L’ex ambasciatore britannico presso l’Aiea, Peter Jenkins, ha detto: «Se il presidente Trump sarà sconfitto alle elezioni presidenziali americane di novembre, è probabile che gli Stati Uniti si uniranno nuovamente al Jcpoa e revocheranno molte delle sanzioni attualmente in vigore».

In una intervista a Irna, Jenkins ha discusso la sua opinione sui recenti sviluppi dell’accordo nucleare iraniano e ha ammesso che l’Iran «non ha ricevuto i benefici economici promessi dalle altre parti» nel Jcpoa.

Il funzionario britannico ritiene che il ritiro degli Stati Uniti dal Jcpoa «non ha portato alcun beneficio agli Stati Uniti e ha perso il soft power degli Stati Uniti». Secondo lui, la politica della massima pressione e delle sanzioni statunitensi contro l’Iran per combattere la pandemia, «è che qualsiasi impedimento sia inaccettabile. Nella misura in cui, quindi, le sanzioni statunitensi impediscono tale commercio, gli Stati Uniti si comportano in modo inaccettabile e dovrebbero essere duramente condannati dalla più ampia comunità internazionale».

Per il funzionario britannico, non si dovrebbe concludere che il Jcpoa non serve più gli interessi iraniani; secondo lui l’ulteriore salvaguardia permette all’Iran di ridurre al minimo il rischio che altri Stati percepiscano le attività nucleari iraniane come una minaccia per la loro sicurezza: «Sono addolorato nel ricordare che non avevo previsto che il presidente Trump avrebbe ritirato gli Stati Uniti dal JCPOA. Il mio errore è stato quello di supporre che un calcolo degli interessi statunitensi avrebbe prevalso sul suo desiderio di presentarsi come un negoziatore migliore del presidente Obama. Il ritiro dal Jcpoa non ha portato alcun beneficio agli Stati Uniti e ha perso il soft power degli Stati Uniti».

Ha poi detto che se il presidente Trump sarà sconfitto nelle elezioni presidenziali americane di novembre, è probabile che gli Stati Uniti si uniranno nuovamente al Jcpoa e revocheranno molte delle sanzioni attualmente in vigore.

Anna Lotti